sabato 10 dicembre | 13:43
pubblicato il 24/lug/2013 08:31

Governo: oggi la fiducia. Poi Letta anticipa il ''tagliando''

Governo: oggi la fiducia. Poi Letta anticipa il ''tagliando''

(ASCA) - Roma, 24 lug - Secondo voto di fiducia oggi a Montecitorio per il governo sul cosiddetto ''decreto Fare'' che contiene provvedimenti per rilanciare l'economia, dopo quello sui provvedimenti relativi all'Ilva di Taranto. La richiesta e' venuta da Dario Franceschini, ministro per i rapporti con il Parlamento, che l'ha motivata con la presa d'atto dell' impossibilita' di arrivare a un rapido accordo con tutti i partiti a causa dei molteplici emendamenti presentati e con la necessita' di evitare un ingorgo legislativo ''dato il calendario previsto prima della pausa estiva, con sei decreti da convertire e diversi provvedimenti importanti da approvare''. M5S e Fratelli d'Italia hanno deciso di fare ostruzionismo. I grillini in particolare trasformeranno i loro emendamenti in dichiarazioni di voto e useranno tutto il tempo a loro disposizione per ritardare il momento del voto finale. Sul suo blog Beppe Grillo cambia il nome del decreto ''Fare'' in ''zittire il Parlamento''. Poi punta l'indice sul ''governo di Capitan Findus Letta'' ricordando che il premier aveva dichiarato al momento del suo insediamento che non avrebbe usato lo strumento del voto di fiducia mentre lo utilizza ''pur di non discutere gli 8 emendamenti presentati dal M5S''. Diversa l'interpretazione della richiesta di voto di fiducia da parte di Sel che votera' contro: ''Se il decreto fosse stato discusso in Aula, il provvedimento avrebbe diviso la maggioranza su temi fondamentali''. Roberto Speranza, capogruppo del Pd alla Camera, difende la scelta del governo e attacca il M5S: ''Con l'ostruzionismo rischia di ritardare provvedimenti decisivi''. Dopo il voto di fiducia, Enrico Letta, partecipera' alla riunione del gruppo del Pd alla Camera che e' fissata alle 20. Domani incontrera' i gruppi di Camera e Senato del Pdl. La prossima settimana il premier si riunira' con i gruppi parlamentari di Scelta civica e con i senatori del Pd. Letta ha deciso di constatare in prima persona lo stato di salute della propria maggioranza con l'iniziativa inusuale degli incontri con i gruppi parlamentari che sostengono l'esecutivo, anticipando in questo modo la verifica - una sorta di tagliando da usare per un eventuale rimpasto - che gli era stata chiesta da Guglielmo Epifani, segretario del Pd. E' pure prevista la presenza del premier alla riunione di direzione del Pd convocata per venerdi'. Letta ha deciso di parteciparvi in via eccezionale, nonostante la carica che ricopre, per cercare di convincere il proprio partito che non esistono maggioranze alternative all'attuale governo e che sarebbe un errore concentrare il dibattito congressuale sui distinguo rispetto alle scelte dell'esecutivo di larghe intese. L'ex segretario Pier Luigi Bersani ha intanto definito Letta ''l'anti Renzi'', alludendo alla possibilita' che l'attuale premier possa essere candidato alla leadership del Pd in vista del congresso. Per Bersani, Letta resta in ogni caso il candidato premier del Pd per il prossimo futuro. Quanto al sindaco di Firenze, non e' sicura la sua partecipazione alla riunione di Direzione del Pd. Matteo Renzi ribadisce che sciogliera' le riserve sulla propria candidatura alla segreteria piddina dopo la pausa delle vacanze estive. Due appuntamenti legislativi attendono il governo nei prossimi giorni. Il primo riguarda l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. ''Il ddl che abbiamo presentato e' una buona riforma. Perche' bloccarlo?'', ha scritto il premier su twitter. Il provvedimento dovrebbe arrivare nell'Aula di Montecitorio il 26 luglio. Se dovesse slittare a settembre a causa di dissensi nella maggioranza, sarebbe una prima sconfitta per Letta. Settori del Pd e del Pdl resistono all'idea della totale abolizione del finanziamento pubblico che dovrebbe essere sostituito gradualmente dalla destinazione volontaria del 2 per mille: la riforma entrerebbe a pieno regime nel 2017. Il secondo appuntamento riguarda la legge contro l'omofobia. ''In Aula la legge arrivera' con una maggioranza politica che potrebbe essere favorevole'', dichiara il deputato Antonio Leone, Pdl, relatore del testo insieme al piddino Ivan Scalfarotto che precisa: ''Si tratta di una norma di civilta', non ha nulla a che vedere con i temi etici''. Non la pensano cosi' alcuni settori del Pdl e di Scelta civica. Dissente per esempio l'ex ministro Maurizio Sacconi, firmatario insieme ad altri esponenti del Pdl di un documento che chiede al governo la moratoria sui temi etici: ''E' un testo irricevibile per coloro che credono nel diritto naturale e nella liberta' di opinione''. gar/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina