mercoledì 07 dicembre | 23:28
pubblicato il 17/feb/2014 08:33

Governo: oggi incarico Renzi. Squadra da definire, fiducia venerdi'

Governo: oggi incarico Renzi. Squadra da definire, fiducia venerdi'

(ASCA) - Roma, 17 feb 2014 - Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha convocato alle 10.30 di questa mattina Matteo Renzi per conferirgli l'incarico di formare il nuovo governo. Ma il tempo concesso dal Capo dello Stato al segretario del Pd - da sabato sera, termine delle consultazioni a stamattina appunto - per permettergli di salire al Colle se non con la lista dei ministri pronta almeno con una squadra gia' tratteggiata a grandi linee non e' stato sufficiente. Il nuovo esecutivo sembra ancora essere in alto mare, sia dal punto di vista degli equilibri di maggioranza che da quello relativo alle persone a cui affidare i singoli dicasteri. E' una delle fedelissime di Renzi, la responsabile riforme del partito, Maria Elena Boschi a far capire lo stato delle cose: ''Ci servira' qualche giorno''. Il sindaco comincera' le sue consultazioni (si svolgeranno alla Camera) domani, dopo che avra' riunito a Firenze per l'ultima volta il Consiglio comunale. I colloqui potrebbero andare avanti fino a giovedi'. Poi, dopo lo scioglimento della riserva e il giuramento, venerdi' il nuovo presidente del Consiglio dovrebbe andare in Senato e chiedere la fiducia. Il passaggio alla Camera dovrebbe essere sabato.

Sul fronte delle alleanze continua il confronto con Angelino Alfano e il Nuovo Centrodestra. Un appoggio, quello del ministro dell'Interno uscente, ad oggi fondamentale (soprattutto al Senato) per la nascita dell'esecutivo renziano. Alfano, come gia' fatto intendere dopo le consultazioni al Quirinale, non considera affatto scontato il sostegno al governo se non si realizzano alcune condizioni.

Una e' la conferma, oltre che di lui stesso, degli attuali ministri Lupi e Lorenzin. In secondo luogo un perimetro della maggioranza che da un lato non si sposti troppo a sinistra e dall'altro non preveda, al di la' dell'accordo sulle riforme, una significativa apertura a Forza Italia. Senza contare le conseguenze che potrebbe avere sulla definizione del programma e su tempi e modalita' di realizzazione delle riforme lo scontro in atto tra FI e Ncd.

Ieri sera doveva esserci un incontro Renzi-Alfano, poi saltato.

Comunque, dicono dalle parti del segretario Pd, il premier incaricato non si fara' imbrigliare ed un accordo con l'ex delfino di Silvio Berlusconi si trovera'. E' sulla composizione della squadra di governo che Renzi nutre piu' preoccupazioni. I 'no' che arrivano - da Farinetti a Guerra a Baricco, dallo stesso Letta a, sembra, Prodi - ritardano quell'avvio lampo che il sindaco, sia per motivi di immagine che di sostanza, sperava di realizzare. Ma il segretario e i suoi collaboratori (Nardella e Delrio soprattutto) continuano a lavorare e queste sono ore frenetiche nel tentativo di mettere in piedi un esecutivo che sia lo specchio, fra l'altro, di quell'atteggiamento ''antipolitico' che ha caratterizzato tutta la corsa di Renzi verso Palazzo Chigi. Un rallentamento che comunque lascia intendere come sia ancora la politica, con i suoi meccanismi, con gli accordi, le intese a dettare i tempi della nascita di un nuovo governo.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni