domenica 22 gennaio | 22:19
pubblicato il 10/nov/2011 12:17

Governo/ Nuovo summit 12.30 da Berlusconi. Pdl valuta Direzione

Partito diviso su Monti. E c'è chi pensa a Siniscalco in squadra

Governo/ Nuovo summit 12.30 da Berlusconi. Pdl valuta Direzione

Roma, 10 nov. (askanews) - Una riunione drammatica, in cui la fazione 'montiana' del Pdl e chi si oppone all'idea di un esecutivo tecnico si sono confrontati e scontrati fino a tarda notte. A palazzo Grazioli il premier Silvio Berlusconi ha soprattutto ascoltato i vertici della maggioranza e del Governo, ha osservato lo scontro interno al Pdl, ma l'orientamento che il Cavaliere ha lasciato trapelare è stato quello di accettare la 'carta Monti'. Poiché il Pdl si mostra lacerato come non mai, a via dell'Umiltà Angelino Alfano sta vagliando anche la possibilità di convocare un organismo di partito (direzione nazionale o ufficio di presidenza, più difficile che siano investiti i gruppi) per consentire un dibattito interno che porti alla ratifica della soluzione Monti senza strappi. Ma i tempi stringono e si cerca di individuare uno spazio fra i voti di Camera e Senato sul Ddl stabilità per convocare la riunione. L'ipotesi più probabile è che il partito possa essere convocato venerdì sera, o al limite sabato sera, comunque prima di domenica quando potrebbero tenersi le consultazioni a seguito delle dimissioni di Berlusconi. Intanto, per discutere di questa e di altre ipotesi il premier ha riconvocato per oggi alle 12.30 un nuovo vertice con alcuni dei big della maggioranza. Le tensioni interne alla maggioranza sono esplose stanotte a palazzo Grazioli. Oltre alla netta presa di posizione di Umberto Bossi, infatti, davanti al premier si è composto il quadro dei favorevoli e dei contrari all'operazione. L'idea Monti è sostenuta da larga parte dei ministri e dei dirigenti provenienti dall'ex Forza Italia, da Cicchitto a Fitto fino a Frattini e Quagliariello. Favorevoli anche big azzurri di peso come Lupi e Formigoni. Ma anche ex An come Alemanno e Augello. Non ostile, riferiscono, sarebbe anche Gasparri. Molti dubbi sono invece stati espressi da La Russa. Apertamente contrari Matteoli, Meloni, Rampelli, ma anche azzurri come Sacconi, Brunetta e Romani. Nel corso dell'incontro sono circolate anche soluzioni alternative, in particolare quella di Domenico Siniscalco, ex ministro dell'Economia. Ma preso atto dell'orientamento di Berlusconi, volto a sostenere Monti, altri hanno proposto la 'carta Siniscalco' per il Tesoro. Gli effetti di un eventuale confronto interno al Pdl, nel corso di una riunione dell'organismo interno, potrebbe certificare la spaccatura, anche se difficilmente porterà a clamorosi strappi. Più probabile, infatti, che si arrivi alla decisione di sostenere un esecutivo tecnico a maggioranza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4