martedì 17 gennaio | 02:19
pubblicato il 03/lug/2011 19:59

Governo/ Nodi missioni e rifiuti. Berlusconi tra Lega e Colle

Carroccio alza ancora voce. Mercoledì Consiglio supremo difesa

Governo/ Nodi missioni e rifiuti. Berlusconi tra Lega e Colle

Roma, 3 lug. (askanews) - Il varo della manovra e la nomina di Angelino Alfano a segretario politico del Pdl saranno pure alle spalle. Ma quella che si apre domani non sarà certo una settimana più "light" di quella appena trascorsa per il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Il provvedimento di finanza pubblica, per cominciare. Al Quirinale, come ha riferito oggi una nota, non è ancora arrivato. Il fatto, però, è che appena filtra una nuova indiscrezione, come accaduto per il blocco della rivalutazione delle pensioni, parte una levata di scudi. E non solo da opposizioni e sindacati, ma pure dalla Lega. E fosse l'unico fronte aperto dal Carroccio all'interno della maggioranza. Almeno altri due nodi verranno al pettine già questa settimana: rifiuti e missioni all'estero. Due temi sui quali, tra l'altro, Umberto Bossi non si è fatto remore di puntare il dito contro il Colle più alto. Sulla vicenda 'monnezza' infatti per il senatur, Giorgio Napolitano, che aveva definito inadeguato l'ultimo decreto del governo, fa "concorrenza sleale" e "dice che bisogna fare di più solo perché lui è napoletano". Ma ancora più urgente rischia di essere la questione delle missioni all'estero: presto bisognerà votare il decreto di rifinanziamento ma già mercoledì si riunirà il Consiglio supremo di difesa, organismo nel quale siede, tra gli altri, anche il ministro dell'Interno, Roberto Maroni. Le parole pronunciate da Umberto Bossi non rendono lo svolgimento della 'pratica' così semplice. "Basta fare guerre e sprecare i soldi, costano troppo. Le guerre - ha detto il ministro delle Riforme nel giorno della morte del caporal maggiore Tuccillo - finiscono sempre quando finiscono i soldi e i soldi sono finiti". Anche su questo punto la posizione di Napolitano, nota da tempo e spesso ribadita, è che l'Italia debba dare seguito a un puntuale adempimento degli impegni e delle scadenze internazionali. Ancora una volta Silvio Berlusconi dovrà dunque provare a mediare tra la ragion di Stato, gli obblighi del governo, e le richieste dell'alleato 'imprescindibile' che dopo Pontida continua ad alzare la voce. Sui rifiuti, poi, c'è da tener conto anche del pressing del parlamentari campani perché il decreto venga migliorato e il premier sa bene che la promessa di un piano strutturale da realizzare in un anno e mezzo, non è cosa facile da realizzare. Il rischio è un logoramento continuo del governo e di chi lo guida, e se finora Silvio Berlusconi era convinto di poter sistemare sempre tutto con 'l'amico Umberto', adesso teme che le manovre per il dopo in corso anche nel Carroccio, e una certa stanchezza del leader, possano rendere tutto più difficile. Anche se il Cavaliere ha affidato ad Angelino Alfano il compito di tessere la tela con il ministro dell'Interno, Roberto Maroni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello