giovedì 08 dicembre | 23:47
pubblicato il 10/nov/2011 21:00

Governo/ No a Monti divide Idv, Pardi contesta: Aventino sterile

Subissato da chi accusa di lucrare. Come Lega facciamo esclusi

Governo/ No a Monti divide Idv, Pardi contesta: Aventino sterile

Roma, 10 nov. (askanews) - Divisioni anche in Italia dei valori sul 'no' all'eventuale governo Monti. A prendere le distanze dalla posizione contraria ribadita anche oggi dal leader Antonio Di Pietro è il senatore Pancho Pardi, che affida le sue considerazioni ad una lettera ai vertici del partito e ai colleghi parlamentari, spiegando perchè è dell'avviso che Idv debba sostenere un esecutivo guidato dall'ex commissario Ue, magari anche entrando a farne parte. "Il voto contrario, ma anche l'astensione, nella fiducia all'eventuale governo Monti avrebbe il significato - dice - di un Aventino sterile e improduttivo. Ci attirerebbe la facile accusa di operare solo per lucrare voti e interessi di bottega (sono subissato da mail in questo senso inviate da chi ci ha votato)". Il voto anticipato, sostiene Pardi, è un'ipotesi "irrealistica" perchè la situazione in Italia è "grave": "Siamo in una situazione in cui non solo i giorni ma perfino le ore contano nel fronteggiare il rischio di bancarotta. Due mesi di campagna elettorale possono seppellire il paese sotto la speculazione più sfrenata", avverte. Tanto più che così facendo "soffriamo l'identità con la richiesta della Lega", il che "ci condanna al ruolo speculare degli esclusi sui due lati opposti della scena politica". Mentre Idv deve "rivendicare il ruolo decisivo nella demolizione del regime". Ma non solo: "anche l'egoismo di partito ci consiglia un atteggiamento diverso: fuori dalla maggioranza che sostiene il governo siamo i primi candidati (sempre insieme alla Lega!) a essere fatti fuori da una nuova legge elettorale". Per questo, Pardi è dell'avviso che ci si debba impegnare "a fondo". "A seconda di come si configurerà l'assetto dell'eventuale governo Monti - scrive ancora il senatore Idv -potrebbe avere senso perfino l'ingresso nel governo, soprattutto se ci fosse la possibilità di presidiare un ministero adatto a esercitare influenze innovative. Nell'impossibilità di ottenerlo meglio escludere l'occupazione di strapuntini umilianti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni