mercoledì 22 febbraio | 15:44
pubblicato il 30/mar/2013 12:00

Governo/ Napolitano riflette, su tavolo anche ipotesi dimissioni

Concluso nuovo giro di consultazioni, è stallo tra Pd e Pdl

Governo/ Napolitano riflette, su tavolo anche ipotesi dimissioni

Roma, 30 mar. (askanews) - Giorgio Napolitano si è preso qualche ora per riflettere dopo questo secondo giro di consultazioni con le forze politiche e stamattina trarrà le sue conclusioni. I colloqui di ieri non sembrano aver sbloccato la situazione che vede Pd e Pdl su due posizioni inconciliabili. Silvio Berlusconi ha oggi rilanciato l'idea del governo di larghe intese insieme a Pd e Scelta civica. Mentre il Pd ha chiuso totalmente su questa ipotesi affidandosi al Presidente della Repubblica e alle sue valutazioni. E di fronte allo stallo non si esclude neanche l'ipotesi che il Presidente possa dimettersi in anticipo. Napolitano aveva affidato un preincarico a Bersani chiedendogli però di portargli un sostegno parlamentare certo prima di mandarlo davanti alle Camere. Il leader del Pd dopo aver chiesto invano l'appoggio del M5S ha provato a trovare una soluzione politica accettabile con Berlusconi individuando una strategia del doppio binario, ossia consentirgli di far nascere il suo governo (magari con una astensione tecnica) con l'impegno a collaborare sulle riforme istituzionali, formula ribadita questa sera da Enrico Letta al termine delle consultazioni. Ma la possibilità si è arenata sulla richiesta del centrodestra di individuare insieme il nuovo inquilino del Colle. Quindi la parola è tornata al Capo dello Stato che ha provato a sciogliere il rebus forte del successo riscontrato già in passato con il governo Monti, quel governo del Presidente nel quale era riuscito a far collaborare le due forze politiche avversarie nell'interesse del paese. Ma l'ipotesi di una soluzione simile, con un esecutivo di scopo, che con un programma minimo permettesse alla legislatura di partire e di intervenire sulle emergenze economiche e per riformare quella legge elettorale che ha prodotto i suoi risultati peggiori proprio il 24 e 25 febbraio, sembra al momento impossibile vista l'indisponibilità dichiarata da Pdl e Lega. Un peso, secondo alcuni, lo ha avuto il fatto che Napolitano sia vicino alla scadenza del mandato, che cade il 15 maggio. Un governo del Presidente che nasce mentre il Presidente lascia il Quirinale, sostengono alcuni, lo renderebbe troppo debole visto che sarebbe privo del suo garante. Ed è evidente che la partita dell'elezione del nuovo Presidente è diventata centrale per entrambi gli attori in campo, questo può aver rafforzato i veti reciproci. Ecco perchè è circolata con insistenza in ambienti parlamentari la voce di possibili dimissioni anticipate di Napolitano. Mancano soltanto due settimane infatti all'inizio del percorso parlamentare per l'elezione del suo successore, ossia dal 15 aprile i Presidenti delle Camere possono cominciare a convocare il Parlamento in seduta comune per le votazioni. Questa sera al termine delle consultazioni Napolitano ha solo fatto sapere che sta riflettendo e che oggi annuncerà le sue decisioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%