giovedì 23 febbraio | 17:49
pubblicato il 07/ott/2011 05:10

Governo/ Napolitano cita 'esecutivo di tregua', Pdl in fermento

In Parlamento voci su Berlusconi tentato dal voto anticipato

Governo/ Napolitano cita 'esecutivo di tregua', Pdl in fermento

Roma, 7 ott. (askanews) - Servirebbe un "Governo di tregua": Giorgio Napolitano ricorre ancora alla storia italiana del dopoguerra per mandare un segnale preciso alle forze politiche. Il capo dello Stato ha fatto l'esempio del Governo Pella, seguito all'era De Gasperi, proprio per ribadire a tutti che anche in caso di crisi non è automatico il ritorno alle urne. Un 'messaggio nella bottiglia' arrivato proprio mentre in Parlamento tornano a circolare voci che descrivono Silvio Berlusconi tentato dalla carta delle elezioni anticipate. Nelle chiacchierate in libertà tra parlamentari, ieri, teneva banco il racconto del 'Cavaliere furioso': Berlusconi, è la voce che girava, avrebbe preso assai male le tante assenze della maggioranza nel giorno in cui l'Aula di Montecitorio iniziava ad esaminare il ddl sulle intercettazioni - slittato a mercoledì prossimo anche per timore di non avere i numeri - e avrebbe fatto di nuovo balenare l'ipotesi di elezioni anticipate, in caso di stallo della maggioranza. Ipotesi, va detto, che secondo alcuni dirigenti del Pd potrebbe essere agitata solo per motivi tattici, per 'spaventare' i tanti 'malpancisti' del Pdl che sempre più danno segnali di insofferenza, da ultimo l'ex ministro Claudio Scajola e i suoi. Napolitano, spiega chi ha avuto modo di parlargli recentemente, sembra assai pessimista sulla possibilità di una evoluzione positiva della situazione, vista la situazione di sostanziale stallo: un Governo che ha i numeri ma, al tempo stesso, non riesce a nominare il Governatore della Banca d'Italia né ad accelerare sul dl sviluppo. D'altro canto, il presidente non potrebbe non esercitare le sue prerogative in caso di crisi: se il Governo non ce la fa, il Quirinale sonderà la posizione delle forze politiche tenendo a mente la soluzione migliore per il Paese. E il richiamo al Governo di Giuseppe Pella fa capire che il capo dello Stato non pensa che il voto sia la prima strada da tentare. Intanto per il governo ci sono due appuntamenti segnati in rosso. Il primo è il voto al Senato su un controverso provvedimento, denominato 'prescrizione breve'. Il secondo: l'avvio alla Camera, la prossima settimana, della raccolta di 'consenso' sul documento che gli scajoliani stanno limando. L'ex ministro Scajola sta guidando la mano del deputato-ghost writer che sta mettendo nero su bianco il messaggio che gli scajoliani - allargati ad alcuni deputati malpancisti dell'area ex FI - sarebbero pronti a lanciare dalla prossima settimana per chiedere al premier di "guidare" l'avvio di una nuova fase allargata al Terzo Polo, ma anche ad altri settori del Pd ostili all'ipotesi di voto anticipato. Invece al Senato Beppe Pisanu lavora e guarda al primo appuntamento utile per marcare una distanza, la prescrizione breve. L'ex responsabile del Viminale si impegna per aggregare consensi. Della partita sarebbe anche Lamberto Dini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Anche Orlando in corsa per le primarie Pd, domani l'annuncio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech