lunedì 05 dicembre | 11:23
pubblicato il 25/giu/2013 12:00

Governo/ Napolitano: All'Italia serve maggiore continuità

Stabilità Istituzioni caposaldo per democrazia e società civile

Governo/ Napolitano: All'Italia serve maggiore continuità

Roma, 25 giu. (askanews) - "La continuità delle istituzioni è un elemento essenziale, non significa conservatorismo e immobilismo. Vorrei che ci fosse più continuità nell'istituzione governo". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo al Premio per l'innovazione al Cnr. Il capo dello Stato ha sottolineato infatti che "l'Italia ha il record di fibrillazione politica, magari non sono passati nemmeno due mesi dalla formazione di un governo che l'argomento diventa la prossima incombente, imminente o fatale crisi di governo". "Abbiamo bisogno di continuità nelle istituzioni - ha aggiunto Napolitano - che fa tutt'uno con la capacità di autorinnovarsi". Secondo il presidente della Repubblica, infine, "il rispetto e la cura delle istituzioni sono capisaldi nella vita e nello sviluppo di uno Stato democratico e di una società civile degna di questo nome".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari