lunedì 05 dicembre | 17:56
pubblicato il 17/mag/2012 21:50

Governo/ Monti teme 'sfilacciamento' maggioranza: Ricompattarsi

Casini vede il premier e avverte: 'Tutti tornino responsabili'

Governo/ Monti teme 'sfilacciamento' maggioranza: Ricompattarsi

Roma, 17 mag. (askanews) - Le parole di Pier Ferdinando Casini al termine del colloquio con Mario Monti non lasciano dubbi: "Tutti i partiti della maggioranza tornino a sostenere responsabilmente il governo". La controdeduzione è facile: al momento non tutti i partiti sostengono l'esecutivo con la stessa convinzione di qualche mese fa. Una preoccupazione che ha percorso tutto l'incontro tra il leader centrista e il premier. In realtà, più nelle parole di Casini che in quelle di Monti, descritto come "freddo e determinato", non intenzionato a lasciar trasparire emozioni. Ma la situazione internazionale, avrebbe ribadito ancora una volta Monti, non consente il minimo sfilacciamento nella maggioranza: il ritorno alle urne della Grecia, il rischio dell'uscita dall'euro di Atene, le possibili ripercussioni sull'Italia. Un quadro preoccupante, quello che precede il vertice G8, che mal si concilia con la situazione interna: durante l'incontro tra Monti e Casini, la constatazione di un diverso clima è stata svolta con franchezza, così come già ieri nel colloquio con Silvio Berlusconi il premier aveva lamentato i continui attacchi di esponenti pidiellini alle politiche del governo. E quello che accade in Parlamento, sarebbe stato il ragionamento, è sotto gli occhi di tutti, a cominciare dall'atteggiamento del Pdl sul ddl anti corruzione. Per non parlare della minaccia di Angelino Alfano di non votare il fiscal compact se dalla Ue non arriveranno segnali chiari sulla crescita. Ma anche Bersani insiste su politiche per la crescita più incisive, anche se il suo turno per incontrare Monti sarà solo al ritorno del premier dal G8. La spiegazione che Casini consegna alle telecamere è che il deteriorarsi del clima sia dovuto agli imminenti ballottaggi per le amministrative, ma nessuno si nasconde il rischio che - passate le elezioni locali - i partiti mantengano inalterati i toni, lanciando una lunga campagna per le politiche. Tanto più se il pressing in Europa di Monti per ottenere un diverso trattamento sulle spese per investimenti "veri e genuini" e per una "soluzione europea" ai debiti della P.A. verso le imprese dovesse restare ancora a lungo senza risultati. Per questo il premier si prepara ad un primo segnale 'interno' sul fronte dello sviluppo, con il ministro Corrado Passera ormai pronto a portare in Cdm - probabilmente dopo il Consiglio Ue informale del 23 - un pacchetto di misure a costo zero, e i decreti per la restituzione di parte dei crediti alle imprese, quelli già certificati, pronti ad essere varati. Segnali per il Paese, prima di tutto - spiega una fonte di governo - ma anche per i partiti, che - è la speranza - potranno a quel punto sostenere più serenamente l'esecutivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari