lunedì 20 febbraio | 08:20
pubblicato il 13/mar/2012 21:55

Governo/ Monti rilancia su Rai-giustizia: Un segnale va dato

Ma Pd teme "due pesi e due misure", il rischio è 'vittoria Pirro'

Governo/ Monti rilancia su Rai-giustizia: Un segnale va dato

Roma, 13 mar. (askanews) - L'unico dato certo, in una partita complicata come quella della Rai, è che Mario Monti pur non intendendo destabilizzare il governo per mettere mano al dossier viale Mazzini, un segnale con ogni probabilità dovrà darlo. In attesa del vertice dei segretari di maggioranza che si terrà giovedì a Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio sembra convinto della necessità di dare risposte al crescente disagio del Pd, irritato dall'atteggiamento governativo sulla riforma del mercato del lavoro e sulla Rai, catalogabile sotto la voce "due pesi e due misure". Per questo, Monti un segnale dovrebbe concederlo, tanto che da Palazzo Chigi si rileva come il vertice debba ancora tenersi e Monti sia pronto ad ascoltare le posizioni dei leader ma anche a sviluppare i suoi ragionamenti, forte anche di ragioni economiche difficilmente confutabili. Perchè a palazzo Chigi non danno per scontato che al termine del vertice le posizioni dei partiti su Rai e giustizia siano le stesse proclamate fino ad oggi: "Non sarebbe la prima volta che devono rivedere le loro dichiarazioni. Del resto nessuno si aspettava la nota di ieri in cui è stato messo nero su bianco che si dovrà parlare di entrambi gli argomenti". Con una variabile su cui il premier conta molto, l'opinione pubblica: "Stiamo iniziando a spiegare perchè delle due questioni dobbiamo occuparci, e quando sarà chiaro anche ai cittadini, diventerà difficile per le forze politiche tirarsi indietro", soprattutto sul tema corruzione. Che poi sia già pronto uno 'scambio' Rai-giustizia, "è presto per dirlo". Forse non basterà al Partito democratico, ma se il premier decidesse di mettere mano al cda, rinnovando presidenza e membro di nomina del Tesoro - e decidesse magari di puntare a un cambio anche del direttore generale - una prima 'scossa' potrebbe arrivare. Questo, secondo alcuni uomini vicini a Berlusconi, potrebbe rappresentare un passo in avanti nella direzione delle richieste del Pd. Che, secondo diverse fonti, avrebbe mostrato parecchio disappunto per l'atteggiamento montiano, eccessivamente attento "a non urtare suscettibilità troppo grosse". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia