sabato 03 dicembre | 03:36
pubblicato il 09/mag/2012 17:04

Governo/ Monti rassicura Merkel e riconosce sforzi Berlusconi

Premier: In Ue mai elusivi su rigore conti ma crescita possibile

Governo/ Monti rassicura Merkel e riconosce sforzi Berlusconi

Roma, 9 mag. (askanews) - Una proposta concreta per la crescita, un tributo al governo Berlusconi che sulle riforme strutturali "ha fatto molto", un mantra: "Il governo italiano è assolutamente convinto della qualità e della virtù della disciplina di bilancio" e mai avallerà atteggiamenti "elusivi". Così convinto che la cancelliera tedesca Angela Merkel "non deve temere" le sue proposte sulla crescita. Il premier Mario Monti passa mezza giornata a Firenze per intervenire a una sessione della conferenza su 'The State of Union' e parla per quasi un'ora. Prima l'intervento nel salone dei Cinquecento - con i commissari europei Michel Barnier e Olli Rehn ad ascoltarlo - poi la conferenza stampa. Il presidente del Consiglio propone una finestra di tre anni durante la quale le spese per gli investimenti su specifici settori potrebbero essere esentate dai vincoli dei trattati europei sulla disciplina di bilancio e sul Fiscal compact. Ad esempio, spiega, "gli investimenti sulla banda larga comunitari potrebbero essere finanziati a livello comunitario e quelli a livello nazionale verrebbero incoraggiati perché gli investimenti di quel tipo non sarebbero contati ai fini del patto di stabilità e del Fiscal compact". Per la Merkel Monti usa parole rassicuranti e aggiunge che il vento nuovo che spira in Francia con l'arrivo all'Eliseo di un presidente socialista sarà compatibile con il rigore dei conti caro ai tedeschi. "Il maggiore calore che Hollande mette sulla crescita è benvenuto - osserva - e credo che sia conciliabile con la disciplina di bilancio". Comunque è dagli stati nazionali che nasce la crisi politica dell'Ue perchè lì osserva il premier - precisando poi di non essersi riferito all'Italia - i leader rifuggono dalle responsabilità di scelte impopolari preferendo essere 'follower'. Infine il tributo al lavoro svolto dal governo Berlusconi che ritorna almeno tre volte nelle parole di Monti. Prima riconosce che l'ex premier e il suo esecutivo hanno "fatto molto" per le riforme strutturali, poi che si è trattato di riforme "significative", infine ricorda che il suo governo vuole "doverosamente intensificarle". Insomma Monti "non si pronuncia sulle scelte degli elettori" alle ultime elezioni amministrative ma pare avere ben presente la reazione dei dirigenti del Pdl davanti alla sconfitta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari