giovedì 08 dicembre | 03:44
pubblicato il 03/gen/2012 05:10

Governo/ Monti prepara rush gennaio e sente i leader dei partiti

A Chigi al lavoro su liberalizzazioni e missioni internazionali

Governo/ Monti prepara rush gennaio e sente i leader dei partiti

Roma, 3 gen. (askanews) - In pochi hanno fatto compagnia al premier Mario Monti, deciso a trascorrere il secondo giorno del 2012 nella sede del governo insieme alla famiglia, anche loro in 'trasferta' romana proprio nel Palazzo dell'esecutivo nonostante le festività natalizie. La politica è ancora in ferie, ma i principali leader di partito sono stati raggiunti nelle ultime dodici ore dal Presidente del Consiglio che, al telefono, ha augurato loro 'buon anno' e confermato un meccanismo di consultazione che a gennaio si preannuncia intenso e non privo di ostacoli. Capodanno è stato il giorno dei primi contatti con sindacati sempre più inquieti e preoccupati, mentre le ultime ore sono servite al presidente del Consiglio per un rapido giro telefonico con i principali esponenti della maggioranza che sostiene il governo. I leader di partito hanno avuto modo di sentire Monti, mentre per un faccia a faccia ufficiale si dovrà attendere ancora qualche giorno. Di certo gli ormai consueti 'bilaterali' si svolgeranno entro la prossima settima, con ogni probabilità solo dopo che il premier e i ministri Passera e Fornero avranno avviato il tavolo di confronto con i sindacati per mettere a punto nel più breve tempo possibile il pacchetto di liberalizzazioni e i primi interventi per il mercato del lavoro. Un gennaio intenso ricco di appuntamenti internazionali e di delicate tappe interne. Monti, infatti, nelle prossime tre settimane volerà a Parigi, quindi a Londra, infine a Tripoli. Il 23 è in agenda l'Eurogruppo, già prima potrebbe essere convocato un decisivo consiglio dei ministri. A qual punto dovrebbe già essere noto l'esito del confronto con le parti sociali, di certo la stella polare dell'esecutivo resta la stessa di sempre: nessuno ponga pregiudiziali e si segua una tabella di marcia strettissima. A dar man forte al Presidente del Consiglio ci sarà certamente il Terzo Polo, mentre Pdl e Pd avranno modo di manifestare alcune perplessità rimaste per ora sottotraccia. Ma difficilmente i due principali partiti potranno ostacolare o disturbare davvero il percorso di riforme rapido al quale il Professore lavora fin da fine dicembre. Il lavoro del presidente del Consiglio sembra concentrarsi in queste ore sul fronte delle liberalizzazione. Secondo indiscrezioni, Monti sarebbe intenzionato a lanciare quel segnale di equità richiesto da più parti proprio allargando oltre le aspettative la platea delle categorie interessate dalle liberalizzazioni. Una scossa che, secondo l'ex commissario Ue, servirà a rilanciare l'economia e mandare un segnale chiaro ai mercati e ai cittadini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni