martedì 24 gennaio | 18:33
pubblicato il 03/gen/2012 05:10

Governo/ Monti prepara rush gennaio e sente i leader dei partiti

A Chigi al lavoro su liberalizzazioni e missioni internazionali

Governo/ Monti prepara rush gennaio e sente i leader dei partiti

Roma, 3 gen. (askanews) - In pochi hanno fatto compagnia al premier Mario Monti, deciso a trascorrere il secondo giorno del 2012 nella sede del governo insieme alla famiglia, anche loro in 'trasferta' romana proprio nel Palazzo dell'esecutivo nonostante le festività natalizie. La politica è ancora in ferie, ma i principali leader di partito sono stati raggiunti nelle ultime dodici ore dal Presidente del Consiglio che, al telefono, ha augurato loro 'buon anno' e confermato un meccanismo di consultazione che a gennaio si preannuncia intenso e non privo di ostacoli. Capodanno è stato il giorno dei primi contatti con sindacati sempre più inquieti e preoccupati, mentre le ultime ore sono servite al presidente del Consiglio per un rapido giro telefonico con i principali esponenti della maggioranza che sostiene il governo. I leader di partito hanno avuto modo di sentire Monti, mentre per un faccia a faccia ufficiale si dovrà attendere ancora qualche giorno. Di certo gli ormai consueti 'bilaterali' si svolgeranno entro la prossima settima, con ogni probabilità solo dopo che il premier e i ministri Passera e Fornero avranno avviato il tavolo di confronto con i sindacati per mettere a punto nel più breve tempo possibile il pacchetto di liberalizzazioni e i primi interventi per il mercato del lavoro. Un gennaio intenso ricco di appuntamenti internazionali e di delicate tappe interne. Monti, infatti, nelle prossime tre settimane volerà a Parigi, quindi a Londra, infine a Tripoli. Il 23 è in agenda l'Eurogruppo, già prima potrebbe essere convocato un decisivo consiglio dei ministri. A qual punto dovrebbe già essere noto l'esito del confronto con le parti sociali, di certo la stella polare dell'esecutivo resta la stessa di sempre: nessuno ponga pregiudiziali e si segua una tabella di marcia strettissima. A dar man forte al Presidente del Consiglio ci sarà certamente il Terzo Polo, mentre Pdl e Pd avranno modo di manifestare alcune perplessità rimaste per ora sottotraccia. Ma difficilmente i due principali partiti potranno ostacolare o disturbare davvero il percorso di riforme rapido al quale il Professore lavora fin da fine dicembre. Il lavoro del presidente del Consiglio sembra concentrarsi in queste ore sul fronte delle liberalizzazione. Secondo indiscrezioni, Monti sarebbe intenzionato a lanciare quel segnale di equità richiesto da più parti proprio allargando oltre le aspettative la platea delle categorie interessate dalle liberalizzazioni. Una scossa che, secondo l'ex commissario Ue, servirà a rilanciare l'economia e mandare un segnale chiaro ai mercati e ai cittadini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4