mercoledì 18 gennaio | 09:41
pubblicato il 19/dic/2011 21:18

Governo/ Monti prepara rilancio: Non abbiamo alternative

Ma 'caso Fornero' spiazza ministri: Non siamo più in cattedra

Governo/ Monti prepara rilancio: Non abbiamo alternative

Roma, 19 dic. (askanews) - Come l'abbia presa Mario Monti non si sa, ma nel governo non tutti hanno apprezzato la sortita di Elsa Fornero sull'articolo 18. Al di là della questione di merito, quello che preoccupa è l'inasprimento del fronte col sindacato e le fibrillazioni che l'intervista del ministro del Welfare ha provocato nel Pd. Tensioni che rischiano di complicare la fase di rilancio dell'economia che, nelle intenzioni del premier, deve seguire la manovra di consolidamento fiscale. Spiega un ministro: "Non stiamo più parlando nelle aule universitarie, dobbiamo valutare gli effetti politici di quello che diciamo". E così si capisce che l'intervista al 'Corriere' doveva servire solo a ribadire la centralità del confronto sul mercato del lavoro, un tema sul quale lo stesso Monti ha più volte insistito sulla necessità di una maggiore concertazione: "Ma la Fornero è andata più in là - spiega un ministro - aprendo da subito un dibattito sull'articolo 18 che forse era meglio evitare oggi". Detto questo, le fibrillazioni nei partiti vengono accolte senza particolare preoccupazione a palazzo Chigi: "Siamo senza alternative", è la convinzione nell'Esecutivo. Concetto che nell'ultima settimana lo stesso Monti ha espresso con durezza sempre maggiore, fino alla sferzata in commissione Bilancio quando ha ricordato tutti che "se siamo qui è perchè la politica era paralizzata". E poi, ragiona un esponente di governo, "il vantaggio di essere tutti ministri tecnici è che il ballon d'essai di un ministro può facilmente essere smentito dal premier senza che questo comporti problemi con la maggioranza, come succede nei governi politici se viene sconfessato un membro di governo espressione di un determinato partito". L'impegno delle prossime settimane sarà dunque quello di mettere a punto le misure per la crescita, annunciate anche oggi a breve dal ministro degli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi. Misure che non saranno prese in un unico pacchetto, ma "attraverso diversi interventi". Cercando comunque, spiega un ministro, di "bilanciare" gli interventi sgraditi ai vari gruppi di maggioranza: "Dobbiamo anche in questo caso cercare l'accordo di tutti". Ma che questa sia la vera sfida è convinzione di tutti: "Solo così, attenuando gli effetti della recessione e stimolando l'economia, potremo evitare un'altra manovra correttiva", riconosce un membro del governo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa