lunedì 16 gennaio | 23:19
pubblicato il 20/mar/2012 22:07

Governo/ Monti: Ora spending review, crescita Ue, roadshow Italia

Per evitare di dormire sollevato, rifletterò su prossima sfida...

Governo/ Monti: Ora spending review, crescita Ue, roadshow Italia

Roma, 20 mar. (askanews) - Spending review, impegno della Ue in direzione della crescita, e il 'roadshow' per presentare all'estero la 'nuova' Italia. Questi i prossimi impegni del governo, una volta chiusa la partita del mercato del lavoro. In conferenza stampa a palazzo Chigi, Mario Monti risponde a chi gli chiede quale sarà la prossima sfida del governo, e spiega che innanzitutto "le cose fatte sono importanti inizi, ciascuna di queste va adesso valorizzata. Per esempio il ministro del Lavoro con altri colleghi e i presidenti delle Regioni avrà un enorme lavoro per modernizzare le politiche attive del lavoro e il sistema di ricerca del lavoro. Il ministro Passera sta dedicando molta energia alle infrastrutture, e alcune richiedono attenzione politica dal ministro e a volte dal Capo del Governo, come la Tav". Nulla che sia "una sfida imminente nel campo della politica economica, difficile come quella del mercato del lavoro: probabilmente no, di cose così irte di difficoltà sociali e tecniche che solo una forte e femminile determinazione come quella di Elsa Fornero poteva affrontare con successo", non ce ne sono". Ma "un'altra opera non eclatante ma importantissima è la spending review: non basta ridurre i voli di Stato e le auto blu, cose che colpiscono giustamente la fantasia pubblica, ma c'è molto altro da fare". Poi "fa parte anche dell'attività di governo definire rapporti con le grandi imprese, avrete visto le dichiarazioni di Marchionne su Mirafiori". E ancora, nell'attività del governo c'è anche lo "spostare il baricentro della politica economica della Ue verso la crescita". Anche su quel fronte "dopo aver dato dimostrazione in casa nostra di disciplina di bilancio, dopo avere contribuito a convincere la Germania e altri a tenere una posizione verso la Grecia che consentisse il superamento della crisi dell'Eurozona, abbiamo moltissimo da fare". E infine "c'è la continuità tra le operazioni di ammodernamento dell'economia italiana e la presentazione al resto del mondo ai fini di investimento finanziario e industriale, oltre che di accresciuto prestigio dell'Italia". La conclusione è una battuta: "Per evitare il rischio di andare a dormire sollevato una volta rifletterò sulla sua domanda...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello