mercoledì 18 gennaio | 15:43
pubblicato il 01/dic/2011 05:10

Governo/ Monti avverte i partiti: Non c'è tempo per discutere

Pacchetto 'amaro' per Pd, Pdl e sindacati. Forse no incontri

Governo/ Monti avverte i partiti: Non c'è tempo per discutere

Roma, 1 dic. (askanews) - Lunedì le prime misure del pacchetto economico saranno in Consiglio dei ministri. E Mario Monti, al termine del giro di incontri europei, ha fatto capire ai partiti che non ci saranno troppi margini per trattare. Non risultano incontri fissati né con i partiti né con le parti sociali e comincia anche a trapelare un certo malumore sia in casa Pd che dalle parti del Pdl per la mancanza di informazioni certe sulla 'medicina' che i partiti saranno chiamati a bere in Parlamento, senza contare la vera e propria fibrillazione dei sindacati per le indiscrezioni sulle pensioni. Qualcuno, nel Pd, arriva ad azzardare un'ipotesi: Monti potrebbe limitarsi a colloqui telefonici, senza vedere nessuno. Parlando ieri a Bruxelles il presidente del Consiglio si è limitato a assicurare "consultazioni", aggiungendo: "Farò appello al fatto che siamo in una situazione straordinariamente delicata e che certi passaggi e ritualità gradite a tutti forse non sarebbero a vantaggio dei cittadini. Farò appello a un senso collettivo di urgenza". Il presidente del Consiglio, del resto, in questi due giorni ha fatto il punto con l'Eurogruppo e con l'Ecofin e in questo momento non ci sono molti margini per rimettere in discussione intese raggiunte con i partner europei. L'accordo tra le banche centrali raggiunto ieri prevede anche una blindatura degli impegni che i governi siglano a Bruxelles. Monti non può permettersi di entrare in un gioco di veti incrociati tra il Pdl che non vuole la patrimoniale, il Pd che invece la pretende e non accetta strette sulle pensioni, i sindacati sul piede di guerra per difendere la soglia dei 40 anni di contributi. Per questo, il premier contatterà tutti i soggetti interessati spiegando che se si perde tempo e se non si fa ciò che è necessario ci saranno "conseguenze gravi per tutti". Un ragionamento che non lascia spazio a molti dubbi: il premier sembra orientato a fare appello al senso di responsabilità, richiamando la drammaticità della situazione e mettendo di fatto i partiti con le spalle al muro. Questa, sarà il discorso del premier, è la ricetta da adottare, il Parlamento faccia il suo lavoro, sapendo che i margini di correzione sono strettissimi, poi ognuno si assuma le proprie responsabilità. Anche per questo Pier Ferdinando Casini ha cominciato a chiedere che gli incontri chiesti da Pd e Pdl non si facciano proprio: inutile, è la tesi del leader Udc, si vada in Parlamento e basta. Stessa tesi, peraltro, di Antonio Di Pietro: "Ho detto a Monti quando l'ho incontrato per le consultazioni e al ministro Giarda stamattina che il Governo non deve chiamarci a riunioni nelle segrete stanze ma portare i provvedimenti in Parlamento". Si vedrà se Pd e Pdl accetteranno questa formula e si accontenteranno dei contatti telefonici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa