martedì 21 febbraio | 18:24
pubblicato il 06/nov/2012 13:41

Governo/ Monti: A volte scoraggiato, ma mai pensato di lasciare

'Non uso a certi attacchi, ma dimettermi era lusso che non avevo'

Governo/ Monti: A volte scoraggiato, ma mai pensato di lasciare

Roma, 6 nov. (askanews) - "Qualche momento di scoraggiamento c'è stato, soprattutto all'inizio", tuttavia il premier Mario Monti non ha mai avuto la tentazione di abbandonare il suo incarico, anche perchè "era una comodità che non potevo permettermi". In un lungo colloquio con Bruno Vespa per il libro del giornalista in uscita giovedì, Monti spiega: "Qualche momento di scoraggiamento c'è stato, soprattutto all'inizio. Pur avendo fatto per dieci anni il commissario europeo, non ero abituato al linguaggio e agli attacchi che pare siano parte integrante della vita politica. Ho impiegato un po' a far prevalere il distacco, anzi l'atarassia, e non credo di esserci riuscito completamente". Ma quando Vespa gli chiede se ha avuto la tentazione di lasciare Monti risponde: "Lasciare? Onestamente no. Era una comodità che non potevo permettermi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia