giovedì 23 febbraio | 11:07
pubblicato il 15/nov/2011 21:36

Governo/ Monti a una notte dal sì: Sereno, il quadro è delineato

Ok Pdl e Pd e "sacrifici" da parti sociali, si tratta su politici

Governo/ Monti a una notte dal sì: Sereno, il quadro è delineato

Roma, 15 nov. (askanews) - La riserva la scioglierà ufficialmente solo domani mattina, ma la "serenità" e la "fiducia" mostrate da Mario Monti al termine delle consultazioni lasciano pochi dubbi sulla scelta del Professore. Che qualcuno immaginava già in serata al Colle con la lista dei ministri, salvo poi lasciare un'altra notte di tempo per un'ultima trattativa con Pd e Pdl sulla presenza al governo di esponenti politici, con il nodo Letta-Amato ancora tutto da sciogliere. Forse anche per questo stasera Monti non ha dato la possibilità di porre domande, cui invece si era ampiamente concesso ieri. Solo dichiarazioni, dunque, nelle quali il premier incaricato assicura che "il quadro è ormai ben delineato", riservandosi le "prossime ore" per mettere a punto gli ultimi dettagli. Ovvero l'ingresso di almeno due big da ascrivere ai maggiori partiti della sua maggioranza, ipotesi che Monti ancora caldeggia come garanzia di un coinvolgimento di Pdl e Pd il più vincolante possibile nell'impegno che lo attende. Ma se la partita con la politica è ancora aperta, il Professore esce rassicurato dalla due giorni di consultazioni, con la "assoluta serenità e convinzione nelle capacità del nostro Paese di superare questa fase così difficile". Un "lavoro intenso e soprattutto proficuo" che ha determinato "la mia convinta e motivata fiducia nella solidità delle nostre istituzioni e nella partecipazione costruttiva della società civile". Perchè "in tutti ho colto consapevolezza dell'emergenza, e sono rimasto colpito dal senso di responsabilità e dalla volontà di dare risposte condivise per gettare le basi di una crescita economica stabile". Un riconoscimento particolare l'ex commissario Ue lo tributa alle parti sociali incontrate oggi a palazzo Giustiniani, insieme alle autonomie locali e ai rappresentanti di giovani e donne: da loro sono arrivati "contributi concreti a possibili sacrifici parziali in vista di un risultato positivo più generale". Ovvero, sintetizza lo stesso Monti in conferenza stampa, "mi hanno detto che 'questa misura, questo provvedimento non ci entusiasmerebbe, ma nel quadro complessivo siamo disposti a considerarlo'". Un feeling confermato dalle controparti, che al termine dell'incontro esprimono tutte l'appoggio al nuovo governo, pur rivelando di non aver avuto alcun dettaglio sul programma. "Ci ha assicurato che vuole un rapporto di stretta collaborazione con noi, che confida nella nostra responsabilità", racconta un sindacalista al termine del colloquio. Con un dubbio: "Noi abbiamo insistito per un nuovo patto sociale, ma lui non ci ha detto niente". Insomma, "per ora non sembra aria da concertazione come nel '93".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech