martedì 24 gennaio | 10:13
pubblicato il 28/mag/2011 13:10

Governo/ Melchiorre in uscita,maggioranza si prepara al post voto

La lib-dem: su magistrati superata misura. Cicchitto: nervi saldi

Governo/ Melchiorre in uscita,maggioranza si prepara al post voto

Roma, 28 mag. (askanews) - Silvio Berlusconi ha tentato la volata ieri a Gianni Lettieri, ma quello cui si prepara la maggioranza per il post voto è un possibile tsunami. Al fronte del quale i dirigenti Pdl mettono da giorni le mani avanti, come ieri Berlusconi, negando che si possa aprire una crisi anche in caso di doppia sconfitta sull'asse Milano Napoli. Intanto arriva una nuova grana, specie per i numeri alla Camera, con la lib-dem Daniela Melchiorre che presenta le dimissioni da sottosegretario in polemica con le frasi sul premier contro i magistrati. Frasi dopo le quali, spiega Melchiorre in una lettera a Repubblica dove annuncia di aver rassegnato le dimissioni, "si è superata la misura", perché i magistrati non sono "un cancro da estirpare" e se questa è la posizione di Premier e Governo "non vi è, almeno per me, uno spazio per proseguire, o meglio avviare, un contributo effettivo all'attività governativa". Una possibile grana in vista del voto del Parlamento sulla verifica per certificare la nuova maggioranza (non ancora calendarizzato da Camera e Senato) perché se l'uscita dal Governo precedesse quella dalla maggioranza si potrebbe rischiare di scendere sotto quota 316. Ma il post ballottaggio potrebbe aprire i conti anche in casa Pdl, dove molti sono pronti a chiedere conto a Denis Verdini e Ignazio La Russa - scajoliani in testa -. Non a caso da giorni si mettono le mani avanti e oggi Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera, ribadisce (come ieri Berlusconi a Napoli) che non ci saranno "conseguenze dirette sulla tenuta del Governo". Servono "nervi saldi", bisogna rivedere il programma di Governo "che coniughi rigore e crescita", dice al Corriere della Sera. Quanto al Pdl "non è il momento delle correnti, delle firme sotto un documento (come quello che avrebbero preparato a Liberamente, ndr) ma quello di prendere di petto la questione: per difendere un leader carismatico come Silvio Berlusconi serve un partito forte". Altro fronte possibile, l'asse Pdl-Lega, con il Carroccio che mette sotto lente il ballottaggio a Milano per capire quale strada scegliere: ieri Moratti, tra le ultime carte prime del silenzio elettorale, ha puntato su Roberto Castelli vice sindaco. Ruolo che, dice però lo stesso al Messaggero, "non può che spettare a Matteo Salvini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4