sabato 03 dicembre | 01:21
pubblicato il 17/giu/2013 11:35

Governo: Maroni, decreto del fare? Solo chiacchiere

(ASCA) - Milano, 17 giu - ''Dal governo solo chiacchiere o spostamento di fondi da un capitolo all'altro''. Questo il commento del presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni, sui contenuti del cosiddetto Decreto del fare. Secondo il numero uno del Carroccio, che ha parlato a margine di un convegno promosso dai cavalieri del lavoro, nel decreto c'e' ''molto fumo e pochissimo arrosto'' soprattutto per la Regione Lombardia. ''C'e' solo un intervento sulle infrastrutture lombarde, ma non ci sono i 37 milioni per le zone terremotate'', e' il giudizio di Maroni. ''Per le imprese, le misure sono assolutamente insufficienti'', ha insistito il numero uno del Carroccio convinto che la strada da percorrere per il rilancio dell'economia sia ''la riduzione della pressione fiscale''. Tuttavia, ''per fortuna c'e' la regioen Lombardia che ha presentato un piano di intervento da un miliardo di euro a favore di oltre 45 mila imprese. Lo approveremo - e' la sua promessa - nei prossimi giorni''.

fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari