mercoledì 07 dicembre | 18:10
pubblicato il 06/mag/2013 08:32

Governo: Letta, subito nuova legge elettorale e superamento Imu

Governo: Letta, subito nuova legge elettorale e superamento Imu

(ASCA) - Roma, 6 mag - Il premier Enrico Letta, ospite ieri sera a ''Che tempo che fa'' su Raitre, chiarisce subito che ''questo non e' certo il governo ideale per gli italiani'' e ricorda di essersi adoperato nella campagna elettorale perche' prevalesse l'ipotesi di un esecutivo di centrosinistra. Da qui la considerazione che tra le cose da fare subito c'e' la nuova legge elettorale perche' quella in vigore ha creato una situazione di ingovernabilita': ''Male che vada sarebbe meglio ripristinare la legge precedente, invece di tornare alle urne con quella attuale. Si puo' fare con una legge ordinaria mentre la riduzione del numero dei parlamentari va fatta con una legge costituzionale, quindi la procedura e' piu' lunga. Volendo bastano pero' 7-8 mesi''. Sul controverso tema dell'Imu, su cui il Pdl insiste nel chiederne l' abolizione e la restituzione per quanto riguarda l'imposta versata lo scorso anno, il presidente del Consiglio dichiara: ''Io preferisco parlare di casa, riferirsi solo all'Imu e' riduttivo. Il crollo dell' edilizia ha buttato giu' l'economia, anche per la botta che la tassa sulla casa ha portato. L'imposta andra' superata. Intanto interverremo per sospendere la rata di giugno con un decreto''. Letta ci tiene a chiarire che ''l'Imu non e' un progetto di Berlusconi, il suo superamento faceva parte dei programmi di tutti e tre i partiti politici che sostengono il governo., anche il Pd aveva il superamento dell'imposta tra i suoi impegni essenziali''. Tra le priorita' indicate dal premier c'e' il reperimento di un miliardo e mezzo per rinnovare la cassa integrazione a circa 700 mila lavoratori: ''Sulla Cig interverremo immediatamente. Il governo non deve mettere le toppe, che a volte sono peggio del buco, ma deve riformare anche nel campo degli ammortizzatori sociali. Serve una riforma della cassa integrazione. E bisogna dare una risposta sugli esodati''. Letta si augura che non ci sia bisogno di una nuova manovra fiscale per risanare i conti pubblici e che non ci sia necessita' di un aumento dell' Iva (''va allontanato nel tempo''): ''Noi non chiederemo di fare nuovi debiti perche' l'Italia ne ha fatti troppi in passato e li pagano le giovani generazioni. Io, a nome di una generazione penalizzata, penso di dovermi prendere un impegno: mai piu' i debiti''. Il premier ritiene inoltre prioritario ''abbassare le tasse per chi assume i giovani'' indicando nell'occupazione giovanile la priorita' del proprio esecutivo. Il presidente del Consiglio fa il punto sui suoi incontri a Berlino, Parigi e Bruxelles (oggi e' a Madrid su invito del suo omologo Mariano Rajoy): ''Sono tornato con qualche elemento di fiducia in piu'. Ho detto che l'Italia non vuole sbracare, vuole mantenere gli impegni presi ma non possiamo piu' accettare che l'Europa sia solo tagli, tasse e austerita'''. Letta annuncia che nel vertice europeo di giugno proporra' che ''l'Unione si ritrovi su un grande progetto per il rilancio dell' occupazione dei giovani''. Sulla questione dello ''ius soli'' per chi figlio di emigrati nasce su territorio italiano, riproposta proprio ieri dal ministro Cecile Kyenge, il premier e' prudente: ''Il tema mi sta a cuore, ma so che alcune di queste materie sono fuori dal discorso programmatico e so che su questi temi occorre che ci siano delle discussioni e dei dibattiti e non e' detto che si possano trovare delle intese. Stessa cosa per il reato di immigrazione clandestina. Vedremo se riusciremo a trovare un' intesa''. Letta, in chiusura, prende un impegno: ''Se ci saranno dei tagli su cultura, scuola e ricerca, mi dimetto''. Sul futuro del Pd, dichiara: ''Serve un congresso fondativo, serve un segretario per dare ai nostri elettori la possibilita' di guardare lontano. L'idea di mettere insieme le differenze e' ancora vincente''. Prima dell'intervista del premier, Silvio Berlusconi aveva ribadito le sue posizioni al Tg4 ricordando che la fiducia al governo e' legata all' abrogazione dell'Imu: ''E' cosi' ma non per puntiglio: e' cosa buona e giusta non pagare l'Imu a giugno. L'Imu e' negativa per l'economia, produce negativita' nelle famiglie che hanno incertezza sul loro futuro e consumano meno''. Il leader del Pdl non fa passi indietro sul problema della restituzione dell'Imu: ''Sarebbe un atto riparatore da parte dello Stato, una riappacificazione dello Stato con i cittadini, il segno che lo lo Stato riconosce di aver sbagliato e rende una tassa ingiusta e dannosa''. Quanto alla Convenzione sulle riforme, Berlusconi non accetta i veti posti dal Pd su una sua eventuale presidenza: ''E' molto difficile per la sinistra italiana venir fuori dallo stato precedente di odio nei nostri confronti. Ho la speranza che stando al governo insieme possiamo chiudere questa guerra civile fredda per iniziare la riappacificazione''. Sull'Imu prende posizione anche il M5S. Vito Crimi, capogruppo al Senato, dichiara a SkyTg24: ''Siamo favorevoli a eliminare l'Imu sulla prima casa, ma solo per le soglie di reddito piu' basse. Non deve essere un si' orizzontale, altrimenti favoriremmo chi ha casa e redditi elevati. Invece deve essere garantito a soglie di reddito basse, con un limite. Chi ha redditi elevati paghi''. gar/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni