mercoledì 22 febbraio | 12:26
pubblicato il 01/ott/2013 21:19

Governo: Letta respinge dimissioni ministri. Berlusconi dinanzi a bivio

Governo: Letta respinge dimissioni ministri. Berlusconi dinanzi a bivio

(ASCA) - Roma, 1 ott - Come nel gioco dell'oca, si torna alla casella di partenza. O quasi. Quasi perche' se formalmente i ministri del Pdl sono di nuovo in carica a tutti gli effetti, alla luce delle dimissioni respinte dal presidente del Consiglio, e' anche vero che la mossa di Enrico Letta, a lungo meditata e giunta al termine di una fitta giornata di incontri, contatti, in ambito governativo e parlamentare, non fa altro che acuire la spaccatura nel Popolo della Liberta'.

L'obiettivo, non apertamente dichiarato ma sussurrato nei vari conciliaboli di giornata, e' proprio quello di mettere Silvio Berlusconi dinanzi a un bivio. Proseguire con la linea dura, anche a rischio di una sempre piu' probabile scissione interna o fare un passo indietro, rinnegando il 'no' alla fiducia rimarcato finora con determinazione? In entrambi i casi, alla vigilia del voto di fiducia annunciato dal governo, la sensazione e' che l'ex premier, riunito ancora una volta a Palazzo Grazioli con i fedelissimi, sia destinato a pagare in qualche modo pegno. Sempre che il suo vero obiettivo, sin dall'inizio, non sia sempre stato quello di mollare il Pdl alle ormai arcinote 'colombe' guidate da Angelino Alfano e dai ministri chiamati ora al reintegro, rifugiandosi nel fortino di una nuova Forza Italia a sua immagine e somiglianza. Non sembra sbagliare, in ogni caso, Guglielmo Epifani, quando pronostica che ''domani sara' il giorno della verita'''. E passata la nottata, come al solito potenzialmente foriera di consigli, si vedra' se Letta avra' davvero la forza di andare avanti fino alla fine del 2014 - percorso delineato e ribadito anche oggi dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano - o se Berlusconi, come invitano a considerare anche in queste ore gli uomini a lui piu' vicini, vendera' cara la pelle e sapra' tirare ''come sempre'' il coniglio fuori dal cilindro.

L'appuntamento, in diretta tv, e' per le 9.30, quando Letta, nell'Aula di Palazzo Madama, chiedera' un appoggio pieno ai parlamentari che non vogliono far calare il sipario anzitempo sull'esecutivo di larghe intese. Un voto che sara' passato al setaccio, e che potrebbe modificare non poco gli equilibri dell'Assemblea. O far salire lo stesso Letta al Colle per presentare, in caso di bocciatura, le inevitabili e irrevocabili dimissioni. Le sue, stavolta.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%