sabato 25 febbraio | 19:58
pubblicato il 16/set/2013 12:00

Governo/ Letta: mai pensato di lasciare ma ci metterei un attimo

"Se mancassero le condizioni ne trarrei le conseguenze"

Governo/ Letta: mai pensato di lasciare ma ci metterei un attimo

Roma, 16 set. (askanews) - In questi mesi a palazzo Chigi "non ho mai pensato di lasciare, perchè ho sempre pensato ci fosse la solidarietà del Parlamento e una fort spinta del Presidente della Repubblica". Ma se le condizioni per governare venissero meno, "non ci metterei un attimo a tirare le conseguenze". Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta, durante la registrazione di 'Porta a Porta'. "Non penso che siamo in questa situazione - ha aggiunto Letta - ma voglio richiamare tutti a una responsabilità che il Paese e i nostri figli ci chiedono. Non sono cambiate di colpo le condizioni che ci hanno portato sull'orlo del vulcano. Non eravamo salvi a marzo" quando è nato il governo, "non lo siamo adesso. Non vedo perchè adesso dovrebbe venire meno il senso di responsabilità" che ha portato alla nascita dell'eecutivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech