sabato 03 dicembre | 14:56
pubblicato il 05/giu/2013 12:00

Governo/ Letta: Destra e sinistra alternative, ma lavoro utile

"Possiamo ricostruire la praticabilità del 'campo'"

Governo/ Letta: Destra e sinistra alternative, ma lavoro utile

Roma, 5 giu. (askanews) - Il 'trauma' di governare insieme agliò avversari del centrodestra "non è passato", perchè "siamo e rimaniamo alternativi". Tuttavia, il lavoro del governo può riconsegnare alla democrazia italiana un "campo di gioco praticabile". E' quanto afferma il premier Enrico Letta, ospite di 'Otto e mezzo' su La7. "Questo è un governo di eccezione - spiega il presidente del Consiglio - ma molto importante per ricostruire la praticabilità del campo, che era diventato impraticabile: se faremo un buon lavoro torneremo ad essere una democrazia matura in cui ci potremo confrontare sui contenuti". E a sottolineare che l'alternatività tra i due schieramenti è intatta, Letta osserva: "Domenica e lunedì i cittadini andranno a votare per le amministrative e voteranno per schieramenti contrapposti tra centrodestra e centrosinistra. Rimane una differenza molto marcata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari