mercoledì 18 gennaio | 00:30
pubblicato il 08/gen/2014 08:35

Governo: Letta avvia consultazioni. Presto incontro Renzi-Berlusconi

Governo: Letta avvia consultazioni. Presto incontro Renzi-Berlusconi

(ASCA) - Roma, 8 gen - ''Il Pd non impone la sua legge elettorale. Non avrebbe i numeri e non sarebbe giusto. Troviamo una soluzione tutti insieme. Confrontiamoci velocemente ma senza diktat. Non li fa il Pd, non li faccia nessun altro''. Matteo Renzi, ospite ieri sera di ''Otto e mezzo'' su La7, replica cosi' a Silvio Berlusconi che sulla riforma elettorale opta per il modello spagnolo (divisione dell'Italia in 118 circoscrizioni dove si eleggono piu' deputati, premio di maggioranza pari a 92 seggi) ed e' disposto a un accordo a condizione di elezioni anticipate in tempi brevi. Crescono intanto le indiscrezioni su un possibile incontro tra il segretario del Pd e il presidente di Forza Italia sulla legge elettorale. Berlusconi sarebbe disposto a recarsi - potrebbe gia' farlo oggi o domani - a Firenze per discutere con Renzi. L'ipotesi di un asse di accordo privilegiato tra il segretario del Pd e Berlusconi non piace al Nuovo centrodestra di Angelino Alfano che preferisce un'intesa preliminare tra le forze di maggioranza e privilegia il cosiddetto modello del ''sindaco d'Italia'' (doppio turno di coalizione, 60% dei seggi alla coalizione vincente). Renzi rassicura annunciando che terra' incontri con i leader dei partiti di maggioranza e di opposizione: ''Alfano ha dato la disponibilita' su uno dei modelli proposti, e' un fatto interessante. Vediamo i numeri e alla fine del percorso decidiamo tutti insieme quale e' la soluzione migliore''. Parallelamente alle consultazioni messe in moto dal segretario del Pd sulla legge elettorale sono iniziate quelle di Enrico Letta per dare forma a un patto di coalizione rinnovato programmaticamente che potrebbe assumere la denominazione di ''Impegno 2014''. Ieri il premier ha incontrato una delegazione di Scelta civica che ha chiesto l'avvio del rimpasto dell'esecutivo e una sede formale in cui fare la sintesi tra le varie proposte (nel frattempo Renzi incontrava a Firenze il fondatore di Scelta civica, Mario Monti). Letta vorrebbe mettere a punto il rinnovato testo di programma condiviso entro il 20 gennaio. Per questo, sono previsti nei prossimi giorni gli incontri con Pier Ferdinando Casini e Mario Mauro di Per l'Italia, con Centro democratico di Bruno Tabacci, con i socialisti di Riccardo Nencini e con Renzi. Quest'ultimo si e' dichiarato indisponibile a partecipare a riunioni collettive di maggioranza, ritendo che questo metodo appartenga al passato, preferendo invece incontri bilaterali sia con il premier, sia con i leader delle forze politiche. Letta potrebbe saltare la consultazione formale con Alfano e Nuovo centrodestra dando per scontato un accordo dal momento che premier e vicepremier sono a contatto quotidianamente per la gestione degli affari di governo. Il premier, per dare maggiore formalita' al suo lavoro per un rinnovato patto di coalizione, si e' incontrato al Quirinale con il presidente Giorgio Napolitano impegnandosi a informarlo via via sull'esito delle consultazioni con le forze di maggioranza. Una nota di palazzo Chigi informa inoltre che ''nel corso di una cordiale conversazione telefonica il presidente del Consiglio ha informato il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan della decisione di posticipare il vertice intergovernativo previsto per il 17 gennaio a Istanbul''. Il posticipo - continua la nota - e' connesso agli impegni per il rinnovo del ''contratto di coalizione tra le forze politiche della maggioranza di governo''. Le consultazioni parallele di Renzi e Letta non rischiano di creare tensioni nella maggioranza? Il segretario del Pd chiarisce di non gradire la prospettiva del voto anticipato. Alla domanda su dove festeggera' nel 2015 i suoi quarant'anni, risponde: ''Credo che saro' a palazzo Vecchio. Non credo si votera' prima del 2015, io non voglio fare le scarpe a Letta''. Sul tema rimpasto ribadisce: ''Se il premier decide di fare cambiamenti nella squadra di governo va bene, ma faccia lui. L'idea che siccome ho vinto le primarie mi spettano tot ministri, tot sottosegretari, non mi piace''. Renzi punta infine l'indice contro la decisione del Ministero dell'Economia e delle Finanze di prelevare 150 euro agli stipendi degli insegnanti per tutto il 2014 (si tratta di uno scatto gia' versato nelle buste paga del 2013 e che invece secondo il ministro Fabrizio Saccomanni andava bloccato): ''Mi arrabbio perche' non e' Scherzi a parte, e' il governo italiano''. E sul piano straordinario sul lavoro dichiara: ''L'aumento della tassazione delle rendite finanziarie sara' uno dei punti del Job Act''. gar/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa