venerdì 24 febbraio | 02:17
pubblicato il 07/nov/2011 22:01

Governo/ Lega insiste su dimissioni Berlusconi:E si voti subito

Ma i 'maroniti': Difficile andare a urne, si provi nuovo premier

Governo/ Lega insiste su dimissioni Berlusconi:E si voti subito

Roma, 7 nov. (askanews) - Nessuna defezione domani in Aula sul rendiconto, ma un'altra nottata di pressing, per convincere Silvio Berlusconi ad accettare l'unica soluzione possibile per la Lega: dimissioni e voto anticipato. La linea anticipata ieri da Roberto Maroni su indicazione del Senatur, ("La maggioranza non c'è più, inutile accanirsi"), è stata confermata nel vertice di questo pomeriggio a via Bellerio, ma la missione diplomatica di Roberto Calderoli ad Arcore per ora non ha prodotto effetti: nessun passo indietro del Cavaliere. Ma qualche speranza c'è ancora nel Carroccio, legata ai numeri del voto di domani sul Rendiconto: "Se fossero davvero bassi, potrebbe convincersi". Se però nella Lega sono tutti d'accordo sul chiedere il passo indietro, le divergenze emergono già nel passo successivo, perchè sul senso vero dell'ambasciata del ministro delle Riforme le versioni divergono, che si parli con gli uomini del 'Cerchio magico' oppure con i dirigenti vicini a Roberto Maroni. I primi decisi a puntare al voto anticipato, anche per andare alle urne con il 'Porcellum' e depurare le liste dai maroniani; i secondi che preferirebbero un governo di decantazione 'Berlusconi-free' prima di tornare a presentarsi davanti agli elettori, anche per consolidare il peso di Maroni nel partito. Ma soprattutto perchè, è la convinzione dei maroniani, "l'unica certezza è che nel 2012 non si voterà: troppo forte la pressione per un altro governo, larga parte del Pdl non seguirà Berlusconi nella richiesta di voto anticipato". In quel caso, "governo tecnico e Lega felicemente all'opposizione". L'altra opzione che almeno una parte della Lega coltiva è un nuovo premier, un segno di discontinuità che possa recuperare alla maggioranza un numero di 'malpancisti' pidiellini sufficiente per andare avanti con un governo sostenuto dalla stessa maggioranza del 14 dicembre 2010, senza l'aggiunta di nuove 'sigle' o gruppi parlamentari. Una posizione che si ritrova anche tra leghisti non 'maroniti' ortodossi: "La maggioranza deve essere quella del 14 dicembre, il governo deve avere gli stessi ministri, può cambiare solo il premier: sia esso Letta, Alfano, Tremonti o chi vuole lui". Perchè una maggioranza diversa da quella uscita dalle urne "l'abbiamo già digerita a fatica l'anno scorso, ma ora non possiamo accettare un'altra sigla nel governo, un altro gruppo che magari pretende ministri e correzioni di rotta: stesso programma e stessa formazione, in quel caso non è tradito il patto con gli elettori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech