venerdì 02 dicembre | 19:14
pubblicato il 16/feb/2011 05:10

Governo/ Lega 'dietro il cespuglio': Ma senza numeri salta tutto

Bersani apre, asse col Colle: Carroccio lavora a exit strategy

Governo/ Lega 'dietro il cespuglio': Ma senza numeri salta tutto

Roma, 16 feb. (askanews) - L'asse con il Colle sempre più saldo, lo spazio dedicato oggi sulla 'Padania' all'intervista del segretario del Pd preceduta da un colloquio telefonico tra Umberto Bossi e lo stesso Bersani, e poi l'incontro con Gianfranco Fini e i contatti con l'Udc prima del voto sul federalismo municipale. Tutti pezzi di un puzzle che inizia a delinearsi, facendo emergere la possibile exit strategy della Lega dall'alleanza di ferro con Silvio Berlusconi. Cui si aggiunge l'insolita freddezza mostrata dal Carroccio nel commentare il rinvio a giudizio immediato per il premier, con un silenzio rotto solo nel pomeriggio dal capogruppo in Senato Bricolo. Insomma, la Lega resta con il premier, ma prepara il dopo, che potrebbe arrivare se la maggioranza non dovesse ulteriormente allargarsi i numeri nelle commissioni non dovessero permettere di andare avanti con le riforme. "Impegno me e il mio partito a portare avanti il processo federalista dialogando con la Lega" e "guardando oltre Berlusconi": le parole di Pierluigi Bersani alla 'Padania' (è stato il leader Pd a chiedere di essere intervistato, con l'imprimatur di Bossi), si aggiungono all'offerta di Fini dal palco del congresso di Fli. Un corteggiamento, quello delle varie opposizioni che chiedono in cambio la testa di Berlusconi, che ancora non ha sortito effetti sul Carroccio, ma cui la Lega sapientemente non si nega, tenendo aperte le possibili opzioni nel caso in cui la sorte politica di Berlusconi dovesse volgere al peggio. "Con il Pdl governiamo quattro regioni, decine di province e centinaia di Comuni", ricordano da via Bellerio, ribadendo che difficilmente sarà la Lega a staccare la spina al premier. Ma al tempo stesso, il mantra bossiano è sempre stato "pronti a tutto per il federalismo", e di sicuro - spiega più di un parlamentare leghista - Bossi non manderà in fumo l'obiettivo di una vita per affondare con il premier. Insomma, spiega un dirigente della Lega citando una frase del Senatùr di qualche mese fa, "Bossi resta dietro il cespuglio: finchè Berlusconi tiene e ci garantisce il federalismo, noi restiamo dove siamo. Se poi la situazione, per quanto può succedere anche fuori dal palazzo, dovesse cambiare, noi siamo pronti e teniamo aperto il dialogo con tutti". Tanto che le repliche più dure arrivano dal Pdl, mentre da Luca Zaia a Davide Boni, i dirigenti leghisti che commentano l'intervista di Bersani rimandano tutti al leader: "E' solo Bossi che decide". E l'orizzonte del dialogo, spiega un parlamentare del Carroccio, guarda anche oltre l'eventuale approvazione del federalismo fiscale: "Ieri Calderoli non ha parlato a caso, quando ha ricordato che la maggioranza necessaria è di 330 deputati". Un modo per ricordare che solo le altre riforme care alla Lega, quella costituzionale con il Senato federale, possono dare senso al proseguimento dell'esperienza di governo. Se invece tra qualche mese la permanenza di Berlusconi al governo dovesse comportare il perdurare di una scontro che rende impossibile una spinta riformatrice, chissà se Bossi, si chiede un dirigente della Lega, non pensi sia arrivato il momento di un governo Tremonti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari