sabato 21 gennaio | 00:07
pubblicato il 27/mar/2013 12:00

Governo/ Ipotesi piano B. Quirinale attende risposta Bersani

Senza sostegno certo a leader Pd unica via sarebbe altro incarico

Governo/ Ipotesi piano B. Quirinale attende risposta Bersani

Roma, 27 mar. (askanews) - Pier Luigi Bersani concluderà domani le sue consultazioni con le forze politiche e poi salirà al Colle per riferire dell'esito della sua verifica. Dopo il parziale ottimismo di ieri, oggi i messaggi scambiati con il Pdl sembrano aver allontanato i due principali interlocutori. Alfano descrive Bersani in un "vicolo cieco". Dal Pd ribadiscono che non ci può essere alcuna trattativa sul Colle. Probabilmente i canali diplomatici resteranno aperti fino all'ultimo, ma nulla di nuovo è emerso che possa dare al presidente della Repubblica la certezza che il premier incaricato possa garantire una maggioranza parlamentare anche al Senato. E dunque si fa avanti l'ipotesi di quel famigerato piano B, ossia un governo del presidente. Il leader del Pd è atteso con ogni probabilità nel pomeriggio al Colle. Si è preso qualche ora in più proprio per attendere delle risposte politiche, come lui stesso ha spiegato (oggi è toccato ai grillini ribadire a muso duro che non gli daranno la fiducia), ma non si andrà oltre perchè, come è noto, la preoccupazione di Giorgio Napolitano è quella di dare un governo al paese, chiunque sia a guidarlo. E i segnali negativi dell'economia invitano a fare in fretta. Il Presidente ha correttamente accolto la richiesta del leader della coalizione che ha ottenuto la maggioranza alla Camera a fare il suo tentativo, ma il mandato era chiaro, senza un sostegno certo in Parlamento Bersani non può formare il governo e presentarsi alle Camere. L'ingorgo istituzionale che vede il paese alle prese con la formazione in un governo e quasi contemporaneamente con l'elezione del nuovo capo dello Stato riduce i margini per questo tipo di tentativi che pure sono piuttosto inediti nella storia repubblicana. Dunque non ci sono tanti scenari possibili per Napolitano, il cui obiettivo è appunto quello di favorire la formazione di un governo: se domani Bersani non porterà valutazioni positive su questo giro di consultazioni toccherà al capo dello Stato sciogliere la matassa e allora potrebbe rapidamente tornare a consultare le forze politiche su un altro nome e poi assegnare l'incarico (già venerdì sera o al più tardi sabato mattina?). Si parla di ipotesi perchè in queste ore, fanno sapere dal Colle, 'nell'attesa che l'incaricato venga a riferire sono chiusi in un impenetrabile no comment'. Ma un governo del presidente o di scopo, o come si preferisca chiamarlo, secondo alcuni è l'unica opzione alternativa, anche se altrettanto densa di incognite. In primo luogo, appunto, quella della scelta del successore di Napolitano che tanto sta a cuore al Pdl. Per non parlare delle diverse valutazioni interne al Pd che potrebbero emergere e spaccare il partito se si trovasse di fronte alla scelta di sostenere un altro governo insieme al Pdl.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4