mercoledì 18 gennaio | 01:03
pubblicato il 28/set/2012 20:46

Governo/ I Vescovi spingono per Monti bis, ma è rebus cattolici

Crociata dopo Bagnasco: Coesione tra partiti per uscire da crisi

Governo/ I Vescovi spingono per Monti bis, ma è rebus cattolici

Città del Vaticano, 28 set. (askanews) - Il giorno dopo l'outing di Mario Monti sulla possibilità di restare a Palazzo Chigi nella prossima legislatura, i vescovi italiani uniscono la loro voce al plauso per il Monti bis. Non è un endorsement esplicito - non sarebbe né stile né compito della conferenza episcopale italiana - ma le parole pronunciate da mons. Mariano Crociata sono chiare. E, a conclusione del consiglio episcopale permanente, confermano e amplificano l'apprezzamento per Monti già espresso dal cardinale presidente Angelo Bagnasco all'apertura lunedì del 'parlamentino' dei vescovi. "Noi vescovi siamo preoccupati per la situazione del paese e, come tutti i cittadini, siamo attenti a qualsiasi soluzione che porti a un sollecito superamento della crisi", ha detto Crociata in conferenza stampa. Poi una stoccata ai partiti: "Per i momenti eccezionali è richiesta una coesione accresciuta tra le forze che hanno a cuore il futuro del paese". Parole in linea con chi chiede già oggi un impegno dei partiti della maggioranza per il dopo elezioni. Soprattutto, parole che interpretano - come già ha fatto Bagnasco - la solida sintonia tra Palazzo Chigi e il Palazzo apostolico, tra i due 'professori' Monti e Ratzinger. Che il 'montismo' sia un vento che soffia forte in casa Cei lo conferma anche l'accento positivo usato da mons. Crociata quando parla di Unione europea. E' "improprio parlare di commissariamento", il rafforzamento dell'Unione è un'esigenza "positiva" - parole lontane anni luce dall'apprensione espressa nei mesi scorsi per un'Unione europea secolarizzata e invasiva. Crociata - che sposa anche l'idea di amnistia prospettata da Napolitano e torna a dire 'no' alle unioni civili - non dice di più. A tracciare una sorta di 'linea rossa' è il direttore di 'Avvenire' Marco Tarquinio, che in un corsivo di prima pagina plaude a Monti ("un passo utile") e sferza i partiti: "Possono e debbono fare la propria parte varando una nuova legge elettorale" e "approvando le norme tese a combattere corruzione e malcostume". Senza queste "risposte da dare ora", sembra suggerire il giornale dei vescovi, il Monti bis è davvero l'unica sponda a cui approdare. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa