domenica 04 dicembre | 09:22
pubblicato il 29/nov/2013 15:00

Governo: Gelmini (FI), Letta si metta d'accordo con se stesso

Governo: Gelmini (FI), Letta si metta d'accordo con se stesso

(ASCA) - Roma, 29 nov - ''Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha tirato, cosi' ha detto, un sospiro di sollievo per l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza che sarebbe ora politicamente piu' coesa. Lo stesso presidente Letta (o forse un suo sosia) fa sapere adesso, da Vilnius, di augurarsi un percorso riformatore condiviso dalla piu' ampia maggioranza, comprendendovi anche una forza 'estremista' e 'radicale' come viene definita Forza Italia. Letta dovrebbe anzi doveva mettersi d'accordo con se' stesso''. Lo afferma in una nota la deputata di Forza Italia, Maria Stella Gelmini. ''Aver dissociato l'orizzonte del governo dalla decadenza che non riguardava solo Berlusconi, ma investiva i fondamenti della democrazia e dello stato di diritto - aggiunge l'ex ministro - ha reso piu' debole Letta e meno credibile la sua interlocuzione in Parlamento. Una volta scoperchiato il vaso di Pandora e' difficile richiuderlo''.

com-sgr/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari