martedì 17 gennaio | 10:44
pubblicato il 16/ago/2014 12:19

Governo: Gelmini (FI) a Renzi, riforme non sono passeggiata

(ASCA) - Roma, 16 ago 2014 - ''Se la Germania ritiene di avere un welfare troppo costoso pur avendo ritmi di crescita sostenuti, a parte la flessione di questo trimestre, che cosa deve pensare di fare un premier italiano? Kurt Lauk, consigliere di Angela Merkel, e' severo con la sua ''assistita'': troppo welfare, troppe tasse. La sua ricetta e' di una semplicita' brutale ma di un'efficacia antica e sperimentata: meno welfare per tagliare drasticamente le tasse''. Cosi' Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario Forza Italia alla Camera su Facebook.

''Lauk, che e' anche presidente del Consiglio economico della Cdu - continua Gelmini -, boccia senza appello la politica economica del governo di coalizione: il salario minimo garantito, l'abbassamento dell'eta' di pensione da 65 a 63 anni ''invece di alzarla a 67'', la rendita per le madri, sono gli errori che Lauk segnala come la causa prima del declino economico tedesco. E' il segnale - prosegue - che si sono esauriti gli effetti della grandi riforme fatte Gerhard Schroder nel 2003-2004 e che e' maturo il tempo per un nuovo ciclo di riforme. Dove le riforme sono state fatte, come nei casi di Spagna, Portogallo e Grecia, la crescita ha mostrato una forza superiore al resto dell'eurozona''. Gelmini sottolinea che ''le riforme non sono una passeggiata di salute come Renzi tende a far credere.

Liberalizzare e privatizzare i servizi pubblici locali, scuotere quel dinosauro che e' la burocrazia pubblica, sono scelte che hanno dei costi sociali piu' o meno elevati. Se la politica continua a rifiutare di recidere questi nodi per timore di perdere consensi - aggiunge -, l'esito sara' che la politica perdera' se stessa e il Paese. Se il presidente Renzi crede di affrontare le sfide dell'autunno inerpicandosi per qualche scorciatoia o aggirando i problemi, andra' a sbattere e l'Italia con lui.

Renzi porta oggi una responsabilita' enorme: dalle sue scelte dipendera' se l'Italia conservera' la propria sovranita' nazionale oppure se dovra' cederla in misura rilevante alla trojka economica''. ''Forza Italia - conclude Gelmini - vuole salvaguardare la dignita' della Nazione ed e' pronta ad assumersi le proprie responsabilita'. Ma la scelta e' nelle mani di Renzi''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello