giovedì 08 dicembre | 07:55
pubblicato il 19/mag/2011 08:46

Governo/ Frattini: Ora scossa a Pdl. Ma se Bossi lascia ha perso

Berlusconi non è in discussione: l'unità conviene a tutti

Governo/ Frattini: Ora scossa a Pdl. Ma se Bossi lascia ha perso

Roma, 19 mag. (askanews) - Il Pdl deve comunque trarre una lezione dal voto amministrativo e accelerare la sua trasformazione "celebrando i suoi congressi in tempi rapidi e aprirsi al contributo di tutti" a partire da Claudio Scajola perchè non possiamo permetterci di lasciare fuori nessuno, tantomeno chi ha capacità di organizzazione comprovate". Ma il governo Berlusconi, la sua leadership e l'alleanza di centrosinistra nella sua composizione attuale di maggioranza non devono essere messe in discussione: non conviene a nessuno, a partire da Umberto Bossi. Perchè, ha avvertito il ministro Pdl degli Esteri Franco Frattini in una intervista al 'Corriere della Sera', anche in caso di sconfitta a Milano nei ballottaggi di Letizia "staccare la spina, sarebbe una sconfitta di Bossi". "C'è una risposta - ha affermato Frattini sul risultato del primo turno a Milano - che sicuramente sarebbe sbagliata: Pdl e Lega tutto possono fare oggi tranne che cercare capri espiatori e puntare il dito contro questo o quel sospetatto. I nostri elettori vogliono vedere un centrodestra unito: unito nella moderazione dei toni come negli accenti garbati". E unito ancora dalla leadership e dalla premiership di Silvio Berlusconi che non va messa in discussione: "non credo si debba o si possa - ha detto - parlare di questo: è ancora Berlusconi che fa la sintesi della coalizione. Lo diciamo noi del Pdl, lo dicono i Responsabili, lo dice la Lega". D'altra parte, a giudizio di Frattini, l'unità politica è la condizione per una vittoria a Milano su cui si dice ottimista, convinto che Berlusconi faccia bene a lasciare a Letizia Moratti campo e proscenio della campagna elettorale, a differenza del primo turno. Anche se, per il ministro, gli "errori" commessi nella prima fase non sono da attribuirsi al premier ma, semmai, ai manifesti di Lassini e alla gaffe in tv su Pisapia della Sindaco uscente. "Riuscire a trasformare Pisapia in un'icona del moderatismo e la Moratti in quella dell'estremismo - ha affermato - è stato un paradosso in cui siamo caduti come polli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni