lunedì 20 febbraio | 19:50
pubblicato il 06/apr/2013 12:00

Governo/ Franceschini (Pd): E' arrivato momento dialogo con Pdl

Al Corsera:basta complesso superiorità,uscire da incomunicabilità

Governo/ Franceschini (Pd): E' arrivato momento dialogo con Pdl

Roma, 6 apr. (askanews) - "Ci piaccia o no, il capo della destra è ancora Berlusconi. E' con lui che bisogna dialogare". In una intervista al Corriere della Sera, l'ex segretario del Pd Dario Franceschini dice "basta" ai complessi, "ora è arrivato il momento di dialogare con il Pdl". "Se si vuol dare un governo al Paese, in questa fase si debbono accettare forme di collaborazione". E spiega che serve "un esecutivo di transizione, che prenda le misure necessarie per dare ossigeno all'economia mentre in Parlamento si fanno le riforme istituzionali: Senato federale, con conseguente riduzione dei parlamentari, e legge elettorale". Secondo Franceschini "neppure con i collegi uninominali uscirebbe una maggioranza assoluta" dalle elezioni. Quindi, dice al Corriere, "non resta che un'altra strada: uscire dall'incomunicabilità. E abbandonare questo complesso di superiorità, molto diffuso nel nostro schieramento, per cui pretendiamo di sceglierci l'avversario. Ci piaccia o no, gli italiani hanno stabilito che il capo della destra, una destra che ha preso praticamente i nostri stessi voti, è ancora Berlusconi. con lui che bisogna dialogare". Quanto alle elezioni del nuovo presidente della Repubblica, "il prossimo capo dello Stato deve essere in ogni caso una persona di garanzia eletta con una intesa più larga possibile. Per sua natura, non può essere eletto con un mandato. Deve essere libero fin dalla prima scelta: assegnare l'incarico di formare il nuovo governo". Per il Colle serve "una persona con un'esperienza politica e parlamentare. Non possiamo fare un'operazione di immagine, scegliere uno scienziato o un attore che piaccia ai blog o alla Rete. Il prossimo presidente dovrà difendere il ruolo del Parlamento che lo eleggerà, aiutandolo a ritornare per i cittadini da palazzo della casta a tempio della democrazia repubblicana" E per il futuro del Pd "vedo con grande preoccupazione la leggerezza con cui si evocano scenari di scissione, da 'destra' o, se dovesse prevalere Renzi, da 'sinistra'. Siamo in una tale crisi istituzionale e sociale che ci manca pure questo. Con tutta la fatica che abbiamo fatto per costruirlo, il Pd... Ognuno si morda la lingua e si metta in testa che il Partito democratico deve restare unito e stringersi attorno a chiunque vinca le primarie, quando ci saranno", conclude Franceschini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia