lunedì 05 dicembre | 14:12
pubblicato il 22/giu/2011 21:57

Governo/ Foreign Policy: Si avvicina sipario sull'era Berlusconi

Lo scrive James Walston sul sito della rivista

Governo/ Foreign Policy: Si avvicina sipario sull'era Berlusconi

New York, 22 giu. (askanews) - "Il primo ministro Silvio Berlusconi è al capolinea", secondo la rivista americana Foreign Policy, "la farsa politica che è stata la sua legislatura potrebbe terminare presto". Oltre alle divisioni interne alla coalizione di governo, l'autore James Walston - che insegna Relazioni Internazionali all' American University of Rome - sottolinea come le non felici condizioni economiche italiane aggravino la situazione del presidente del consiglio. L'Italia, dice Walston, ha un tasso di crescita inferiore a quello dei suoi competitori, la sua economia è stata stagnante nell'ultimo ventennio e lo scorso mese l'agenzia di rating Standard and Poor's ha rivisto al ribasso il rating del Paese. "Anche il presidente di Confidustria, Emma Marcegaglia, tradizionale alleato del centro-destra - scrive la rivista - ha criticato il governo". Per ravvivare la popolarità del premier "servirebbe una linea economica meno rigida" ma Tremonti sembra non volerci sentire da quell'orecchio. Berlusconi è quindi con le spalle al muro: "se licenzia Tremonti e ricomincia a spendere verrà punito dai mercati - spiega Walston - se consente al ministro dell'Economia e delle Finanze di portare avanti la proprio linea verrà punito dagli elettori". Foreign Policy sottolinea come "buona parte degli italiani si limita a lamentarsi mentre la Lega Nord può fare cadere Berlusconi". Come hanno evidenziato sia Bossi che Maroni la scorsa settimana, altro tema caldo è la partecipazione italiana all'intervento militare Nato in Libia. "Gran parte del Paese - chi come Berlusconi per legami personali con i leader libici, chi per paura delle ondate migratorie e chi per opposizione culturale alla guerra - era ed è ancora contrario all'intervento", afferma Walston. In una situazione simile, le vicende personali del premier passano quasi in secondo piano. "Quasi - scrive Foreign Policy - perché questa settimana Berlusconi si è dovuto recare in tribunale a Milano per il processo Mills. Mentre le accuse di sfruttamento della prostituzione legate al caso Ruby, se non hanno avuto un peso significante nelle vicende interne, hanno danneggiato l'immagine internazionale dell'Italia". Tutto questo dopo le deludenti elezioni municipali a Milano e Napoli fa notare Walston. Se il presidente del consiglio vuole avere qualche possibilità di rimanere in sella, deve saldare le divergenze che si sono venute a creare tra il suo partito (in particolare Alemanno e gli esponenti meridionali del Pdl) e la Lega dopo le esternazioni della scorsa settimana di Bossi e Maroni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari