lunedì 05 dicembre | 06:31
pubblicato il 31/lug/2011 12:03

Governo/ Fini: Maggioranza abbia il coraggio cambiare Berlusconi

La realtà è più ostinata di loro: si deve voltare pagina

Governo/ Fini: Maggioranza abbia il coraggio cambiare Berlusconi

Roma, 31 lug. (askanews) - Preso atto della reazione fredda alla sua proposta per un nuovo governo guidato da Roberto Maroni, il presidente della Camera Gianfranco Fini rilancia con forza la necessità di un nuovo esecutivo che coinvolga il centrodestra non più guidato da Silvio Berlusconi, indipendentemente dalal guida leghista o meno. "A mia memoria - ha sottolineato Fini, intervistato dal Messaggero- non è usuale che tutte la parti sociali, a parte la Uil, chiedano alla politica - e duqnue in primo luogo al Governo- di tenere sotto controllo i conti pubblici e di adottare misure per stimolare la ripresa. Ed è altrettanto inusuale che il Governo faccia finta di nulla. Avevo indicato quella che per me era l'unica via di uscita, ma al contempo ero perfettamente cosciente che all'interno del Pdl nessuno avrebbe avuto consapevolezza dell'urgenza di dar vita al dopo Berlusconi". Ma forse ora le cose stanno diversamente, secondo il presidente della Camera, perchè "la realtà non cambia ed ha la testa dura" ed ora "tutti avvertono la necessità di superare l'attuale governo, perchè inadeguato, anche se all'interno del Pdl nessuno ha ancora la forza di fare il passo necessario". E' infatti al suo ex partito, oggi con alla segreteria Angelino Alfano, che il Presidente della Camera si rivolge per ottenere il passo indietro di Berlusconi. "Da che mondo è mondo - ha affermato - non è mai accaduto che sia l'opposizione a determinare il cambiamento: il cambiamento c'e' sempre quando è all'interno della maggioranza che matura la consapevolezza di dover voltare pagina", E purtroopo "non c''e ancora la volontà, o forse il coraggio che però potrebbe essere termine improprio, per dire in pubblico quello che ormai tantissimi sussurrano in privato: sono coscienti che quando Berlusconi sostiene che il governo ora è più forte di òprima fa solo propaganda alla quale non crede più nemmeno lui. Tuttavia fra l'avere coscienza e l'agire con iniziative conseguenti, c'è di mezzo il classico mare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari