sabato 03 dicembre | 05:47
pubblicato il 14/feb/2014 09:11

Governo: Fassina, ora temo svolta a destra nel programma

Governo: Fassina, ora temo svolta a destra nel programma

(ASCA) - Roma, 14 feb - ''Abbiamo liquidato un esecutivo per farne un altro di radicale cambiamento ma con la stessa maggioranza, e' incomprensibile. Ora temo una svolta a destra nel programma''. Lo afferma in una intervista a Repubblica Stefano Fassina, ex viceministro dell'Economia nel governo Letta. ''Mi sono astenuto'' sul documento votato nella Direzione del Pd perche', spiega, ''il modo in cui e' avvenuta l'archiviazione del governo Letta e' poco comprensibile agli occhi di tanti elettori del Pd e rischia di lasciare spazio alle interpretazioni piu' negative. La mia astensione - continua - deriva dal fatto che si liquida un esecutivo con l'obiettivo di fare un governo di radicale cambiamento del quale pero', non conosciamo il programma e che avra' la stessa maggioranza. Il pericolo e' la riproposizione della fallita ricetta liberista di tagli al welfare e di ulteriore deregolazione del mercato del lavoro''.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari