giovedì 19 gennaio | 01:57
pubblicato il 28/set/2013 19:21

Governo: e' crisi, Berlusconi fa dimettere i ministri Pdl

Governo: e' crisi, Berlusconi fa dimettere i ministri Pdl

(ASCA) - Roma, 28 set - ''A seguito dell'invito del presidente Berlusconi a dimetterci dal governo per le conclusioni alle quali il consiglio dei ministri di ieri e' giunto sui temi della giustizia e del fisco, non riteniamo vi siano piu' le condizioni per restare nell'esecutivo dove abbiamo fin qui lavorato nell'interesse del Paese e nel rispetto del programma del Popolo della Liberta'. Rassegniamo le nostre dimissioni anche al fine di consentire, sin dai prossimi giorni, un piu' schietto confronto e una piu' chiara assunzione di responsabilita'''. Lo dichiarano in una nota congiunta Angelino Alfano, Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorenzin, Maurizio Lupi e Gaetano Quagliariello. I ministri Pdl rispondono cosi' alla richiesta del loro leader: ''La decisione assunta ieri dal presidente del Consiglio dei ministri Letta di congelare l'attivita' di governo, determinando in questo modo l'aumento dell'Iva e' una grave violazione dei patti su cui si fonda questo governo, contraddice il programma presentato alle Camere dallo stesso premier e ci costringerebbe a violare gli impegni presi con i nostri elettori durante la campagna elettorale e al momento in cui votammo la fiducia a questo esecutivo da noi fortemente voluto'', aveva scritto Berlusconi nella sua dichiarazione. ''Per queste ragioni, l'ultimatum lanciato dal premier e dal Partito Democratico agli alleati di governo sulla pelle degli italiani, appare irricevibile e inaccettabile'' ha sentenziato il Cavaliere, aggiungendo: ''Pertanto, ho invitato la delegazione del Popolo della Liberta' al governo a valutare l'opportunita' di presentare immediatamente le proprie dimissioni per non rendersi complici, e per non rendere complice il Popolo della Liberta', di una ulteriore odiosa vessazione imposta dalla sinistra agli italiani''. Letta: ''Chiarimento avvenga in Parlamento e davanti al Paese. Il chiarimento politico deve ''ora avvenire davanti al Paese, in Parlamento e alla luce del sole''. Lo ha affermato il presidente del consiglio, Enrico Letta subito dopo essere stato informato dal vicepremier, Angelno Alfano delle dimissioni dei ministri Pdl dall'esecutivo. Lo riferiscono fonti di Palazzo Chigi. Il premier Enrico Letta ha poi ha telefonato al Capo dello Stato Giorgio Napolitano. Dopo rientro a Roma Napolitano incontrera' Letta per decisioni. ''Il Presidente della Repubblica e' stato informato dal Presidente del Consiglio delle decisioni comunicategli di ministri del Pdl. Dopo il rientro a Roma concordera' con il Presidente Letta l'incontro che le decisioni odierne rendono necessario''. Lo rende noto l'Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica con una nota. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina