domenica 26 febbraio | 11:08
pubblicato il 22/lug/2013 13:44

Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

(ASCA) - Roma, 22 lug - ''Questo Governo e' ostaggio di Berlusconi. E l'immagine dell'Aula del Senato della scorsa settimana, durante il dibattito del caso Kazako, mostrava questa verita' nuda e cruda''. Lo scrive in un post sul suo blog il Presidente onorario dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.''Infatti - prosegue - la gestione nonche' la risoluzione di quel caso hanno tolto ogni dubbio. Adesso, che il leone Pdl ha piegato definitivamente a se' il Pd, tutto diventa lecito. Cosi' i berlusconiani pretendono un riequilibrio nella compagine governativa a loro favore e mettono anche una vergognosa moratoria sui temi etici, e suppongo che la stessa moratoria, a porte chiuse, sia stata avanzata per la lotta all'evasione e alla corruzione, essendo il deus ex machina un condannato in Appello proprio per frode fiscale''. ''E c'e' chi - aggiunge Di Pietro - tra le fila del Pdl si spinge oltre, chiedendo la riforma della giustizia, naturalmente e' sottinteso che questa debba soddisfare il Cavaliere e quindi puntare a ripulire la sua fedina penale, con buona pace dello Stato di diritto e della giustizia stessa. Povera Italia, in balia di un esecutivo monco, che fino ad oggi ha solo vivacchiato e non ha fatto nulla per risolvere la drammatica situazione economica e sociale del Paese. In autunno ne vedremo delle belle, visto che tutte le scadenze sono state posticipate. Noi non ci arrendiamo. E la fotografia dell'altro giorno a Palazzo Madama, che ritraeva il premier Letta applaudito da Berlusconi e dai suoi sodali, fa comprendere perche' il sistema ci ha espulsi, denigrati e allontanati: noi non avremmo mai consentito tutto questo, avremmo urlato, presentato mozioni di sfiducia vere, occupato Aule e informato a dovere i cittadini, costringendo quei deputati responsabili e di buona volonta' a non piegarsi ai diktat di un condannato in Appello''. ''Ma state tranquilli - conclude Di Pietro - IdV c'e', e anche se i media ci hanno oscurato continueremo a batterci contro la Casta, a difesa della Carta e dello Stato di diritto''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech