domenica 04 dicembre | 09:13
pubblicato il 22/lug/2013 13:44

Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

Governo: Di Pietro, ostaggio Berlusconi. Moratoria temi etici? Vergogna

(ASCA) - Roma, 22 lug - ''Questo Governo e' ostaggio di Berlusconi. E l'immagine dell'Aula del Senato della scorsa settimana, durante il dibattito del caso Kazako, mostrava questa verita' nuda e cruda''. Lo scrive in un post sul suo blog il Presidente onorario dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro.''Infatti - prosegue - la gestione nonche' la risoluzione di quel caso hanno tolto ogni dubbio. Adesso, che il leone Pdl ha piegato definitivamente a se' il Pd, tutto diventa lecito. Cosi' i berlusconiani pretendono un riequilibrio nella compagine governativa a loro favore e mettono anche una vergognosa moratoria sui temi etici, e suppongo che la stessa moratoria, a porte chiuse, sia stata avanzata per la lotta all'evasione e alla corruzione, essendo il deus ex machina un condannato in Appello proprio per frode fiscale''. ''E c'e' chi - aggiunge Di Pietro - tra le fila del Pdl si spinge oltre, chiedendo la riforma della giustizia, naturalmente e' sottinteso che questa debba soddisfare il Cavaliere e quindi puntare a ripulire la sua fedina penale, con buona pace dello Stato di diritto e della giustizia stessa. Povera Italia, in balia di un esecutivo monco, che fino ad oggi ha solo vivacchiato e non ha fatto nulla per risolvere la drammatica situazione economica e sociale del Paese. In autunno ne vedremo delle belle, visto che tutte le scadenze sono state posticipate. Noi non ci arrendiamo. E la fotografia dell'altro giorno a Palazzo Madama, che ritraeva il premier Letta applaudito da Berlusconi e dai suoi sodali, fa comprendere perche' il sistema ci ha espulsi, denigrati e allontanati: noi non avremmo mai consentito tutto questo, avremmo urlato, presentato mozioni di sfiducia vere, occupato Aule e informato a dovere i cittadini, costringendo quei deputati responsabili e di buona volonta' a non piegarsi ai diktat di un condannato in Appello''. ''Ma state tranquilli - conclude Di Pietro - IdV c'e', e anche se i media ci hanno oscurato continueremo a batterci contro la Casta, a difesa della Carta e dello Stato di diritto''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari