martedì 06 dicembre | 09:05
pubblicato il 25/feb/2014 12:01

Governo: De Mita (PI), ci siamo ma no maggioranze variabili convenienza

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - ''Il passaggio politico che stiamo attraversando resta dentro una logica di necessita'.

Il voto di fiducia in Senato testimonia questa condizione. Il rapporto di fiducia non e' un passaggio formale ma e' il momento attraverso il quale si ricompone il rapporto tra il luogo della sovranita' popolare e chi viene delegato a fare le riforme. E' difficile scorgere elementi di novita' nel programma che ha presentato. Non lo dico per esprimere un limite, ma per registrare un fatto. Lei si propone certo con un di piu' di voglia di cambiamento e di velocita', ma il rischio e' di esprimere un giudizio implicito verso il governo che l'ha preceduta e di sottovalutare le difficolta' del presente''. Lo ha dichiarato Giuseppe De Mita, vicepresidente vicario del gruppo ''Per l'Italia'' nel suo intervento alla Camera nella discussione generale sulla fiducia al governo Renzi. Per De Mita, le criticita' nel programma presentato dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, vanno individuate nella proposta di legge elettorale, nella riorganizzazione istituzionale con la mancata previsione del ministero per la Coesione Territoriale e, infine, nella indefinitezza delle questioni economiche. ''Il Governo di larghe intese - ha continuato De Mita - nasceva transitoriamente sulla necessita' di fare le riforme.

Ad un certo punto una forza politica si e' sottratta per ragioni non politiche. Il Pd doveva sostenere questo percorso di evoluzione del sistema politico. Il Partito Democratico oggi, invece, si pone in una posizione molto ambiziosa ma anche molto rischiosa, quella di pretendere una centralita' coatta con maggioranze variabili. Se questo disegno dovesse riuscire avremmo si' una forma di equilibrio politico, ma di sicuro molto stravagante''. ''Pur con tutte le condizioni di necessita' che accompagnano questo Governo, noi ci siamo. Questo e' un governo di coalizione per fare le riforme. Se poi questa maggioranza si amplia o si riduce, lo vedremo in Parlamento, ma diciamo no a schemi di convenienza. Il tema vero che abbiamo di fronte non e' ridurre la minima forza di ricatto dei piccoli partiti, ma quello di affrontare l'indifferenza e la rabbia delle persone nei confronti della politica'', ha concluso De Mita.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari