lunedì 20 febbraio | 19:51
pubblicato il 25/feb/2014 12:01

Governo: De Mita (PI), ci siamo ma no maggioranze variabili convenienza

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - ''Il passaggio politico che stiamo attraversando resta dentro una logica di necessita'.

Il voto di fiducia in Senato testimonia questa condizione. Il rapporto di fiducia non e' un passaggio formale ma e' il momento attraverso il quale si ricompone il rapporto tra il luogo della sovranita' popolare e chi viene delegato a fare le riforme. E' difficile scorgere elementi di novita' nel programma che ha presentato. Non lo dico per esprimere un limite, ma per registrare un fatto. Lei si propone certo con un di piu' di voglia di cambiamento e di velocita', ma il rischio e' di esprimere un giudizio implicito verso il governo che l'ha preceduta e di sottovalutare le difficolta' del presente''. Lo ha dichiarato Giuseppe De Mita, vicepresidente vicario del gruppo ''Per l'Italia'' nel suo intervento alla Camera nella discussione generale sulla fiducia al governo Renzi. Per De Mita, le criticita' nel programma presentato dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, vanno individuate nella proposta di legge elettorale, nella riorganizzazione istituzionale con la mancata previsione del ministero per la Coesione Territoriale e, infine, nella indefinitezza delle questioni economiche. ''Il Governo di larghe intese - ha continuato De Mita - nasceva transitoriamente sulla necessita' di fare le riforme.

Ad un certo punto una forza politica si e' sottratta per ragioni non politiche. Il Pd doveva sostenere questo percorso di evoluzione del sistema politico. Il Partito Democratico oggi, invece, si pone in una posizione molto ambiziosa ma anche molto rischiosa, quella di pretendere una centralita' coatta con maggioranze variabili. Se questo disegno dovesse riuscire avremmo si' una forma di equilibrio politico, ma di sicuro molto stravagante''. ''Pur con tutte le condizioni di necessita' che accompagnano questo Governo, noi ci siamo. Questo e' un governo di coalizione per fare le riforme. Se poi questa maggioranza si amplia o si riduce, lo vedremo in Parlamento, ma diciamo no a schemi di convenienza. Il tema vero che abbiamo di fronte non e' ridurre la minima forza di ricatto dei piccoli partiti, ma quello di affrontare l'indifferenza e la rabbia delle persone nei confronti della politica'', ha concluso De Mita.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia