giovedì 08 dicembre | 19:21
pubblicato il 27/apr/2013 12:00

Governo/ Crimi: Pd-Pdl partito nuovo, modello unico

"Avevamo chiesto competenze e discontinuità, c'è nomenclatura"

Governo/ Crimi: Pd-Pdl partito nuovo, modello unico

Roma, 27 apr. (askanews) - "L'annuncio dei nomi scelti da Enrico Letta per formare la squadra di Governo sancisce lo stadio finale della metamorfosi politica italiana". Lo ha scritto Vito Crimi, presidente dei senatori del Movimento 5 stelle, sul suo profilo Facebook. "Dal bozzolo della stasi, quella fucina dell'inciucio che ha congelato per anni il Paese portandolo anche oltre il famigerato orlo del baratro, il Pd e il PD-L sono emersi - ha sostenuto l'esponente del movimento guidato da Beppe Grillo - come una sola creatura, un partito nuovo, che chiameremo d'ora in poi 'Modello Unico'. Avevamo chiesto, e ci erano state assicurate, competenze e un chiaro segnale di discontinuità con il passato. La risposta è stata ancora una volta, in massima parte, la vecchia nomenclatura, responsabile della situazione attuale, dove trovano ampia rappresentanza uomini della Banca Centrale Europea (Fabrizio Saccomanni), uomini che non hanno voluto o saputo portare a termine l'incarico di tagliare i costi della politica (Enrico Giovannini), frequentatori abituali di organizzazioni dove la stampa non è ammessa e dove la trasparenza è un concetto chimerico (Emma Bonino), uomini formati alla Bocconi e stretti collaboratori del Governo tecnico uscente, fautore di quel paradigma dell'austerità che ora è sotto processo dalle stesse forze europee che l'hanno voluto e imposto". A giudizio di Crimi "l'unica nota positiva è che, finalmente, l'Italia avrà un'opposizione concreta e pervicace, che non farà sconti a nessuno, come si conviene a un qualsiasi Paese che possa definirsi democratico. Il bipolarismo perseguito per anni, senza successo, si realizzerà nel confronto costante, serio e costruttivo, che vedrà da una parte i partiti che hanno preso tutto, reclamando per sé anche le presidenze e le vicepresidenze che da sempre spettano all'opposizione (o regalandole a formazioni minori, specchietti per le allodole nonché loro alleate nell'ultima tornata elettorale), e dall'altra parte il Movimento 5 Stelle, con i suoi oltre 160 cittadini ad occupare altrettanti posti nei due rami del Parlamento: l'unico, vero, autentico segnale di discontinuità con il passato, a garanzia - finalmente - di trasparenza, verifica e controllo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni