lunedì 27 febbraio | 05:30
pubblicato il 09/nov/2011 16:42

Governo/ Contatti Colle-maggioranza. Ipotesi Monti fa breccia

Parte Pdl non ostile, stasera vertice. Lega non farebbe barricate

Governo/ Contatti Colle-maggioranza. Ipotesi Monti fa breccia

Roma, 9 nov. (askanews) - La pressione dei mercati, la necessità di accelerare sul ddl stabilità, l'obbligo per arginare l'emergenza di valutare tutti gli scenari, a partire dal via libera a un nuovo esecutivo. Riprende quota, in queste ore, l'ipotesi che al passo indietro di Silvio Berlusconi segua un governo guidato da Mario Monti. Riferiscono fonti di governo che stamattina fra il Colle e i vertici politico-istituzionali del centrodestra, da Letta a Schifani, siano intercorsi contatti per valutare gli scenari, a partire da un esecutivo Monti. Un governo che avrebbe il consenso dell'Udc e del Pd, che non sarebbe sgradito al Quirinale e che potrebbe essere sostenuto in Parlamento da sempre più parlamentari, almeno stando alle dichiarazioni pubbliche e agli incontri privati delle ultime ore. Ma che per nascere avrebbe necessità del sostegno di una parte crescente della maggioranza. Un'opzione verso la quale la Lega, pur non volendo entrare a farne parte, non si metterebbe di traverso, anche perchè si sta prendendo atto che l'ipotesi Alfano sta ormai tramontando. Ecco allora che circola la voce di una nuova presa di posizione pubblica del Carroccio - attraverso un big - che potrebbe 'sfidare' chi ha in mente un governo tecnico a farsi avanti e verificare al più presto la fattibilità. Nessuna risposta sarebbe arrivata per ora da Berlusconi, che comunque mai fino a oggi ha giudicato positivamente questa soluzione. E se le Camere si attrezzano per accelerare sul ddl stabilità, è chiaro che fin dai prossimi giorni (lunedì al massimo) le forze politiche dovranno uscire allo scoperto. Il Pdl valuterà questa e altre ipotesi con ogni probabilità già stasera in un nuovo vertice, forse allargato agli alleati leghisti. Diverse fonti di maggioranza raccontano che una parte consistente del gruppo della Camera, soprattutto di estrazione ex FI, starebbe consigliando al premier di accettare la soluzione Monti. Alcune resistenze verrebbero invece da una parte della componente ex An e da altri settori azzurri, anche se la discussione è in corso e già da stasera le posizioni potrebbero emergere con maggiore chiarezza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech