mercoledì 07 dicembre | 19:29
pubblicato il 18/lug/2011 21:16

Governo/ Congelate le dimissioni di Alfano, è stallo sul rimpasto

Berlusconi a Napolitano: Governo solido. Stasera vertice con Lega

Governo/ Congelate le dimissioni di Alfano, è stallo sul rimpasto

Roma, 18 lug. (askanews) - La battuta che circola è che non sia stato trovato un sostituto "all'altezza". Fatto sta che le dimissioni di Angelino Alfano da Guardasigilli sono state ancora una volta congelate, dopo l'incontro tra Silvio Berlusconi e il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Uno stop che blocca anche un'altra partita potenzialmente decisiva per il governo, ovvero la sostituzione di Marco Reguzzoni come capogruppo leghista alla Camera: non gradito ai 'maroniti' che sono la maggioranza larga del gruppo, la permanenza di Reguzzoni rischia di far proseguire le fibrillazioni interne con le ripercussioni sull'esecutivo, a cominciare dal voto sull'arresto di Alfonso Papa previsto per mercoledì. La versione 'ufficiosa' è che il momento di grave crisi economica sconsiglia movimenti rilevanti all'interno del governo. Un'osservazione sollevata anche da Napolitano. Quella 'velenosa' fa riferimento al nome che sembrava in pole position per sostituire Alfano, ovvero Renato Brunetta. In realtà, al Colle Berlusconi è salito con una rosa ampia: tanto ampia (oltre al titolare della Funzione pubblica, anche Frattini, Nitto Palma, Bruno, La Loggia, Bernini) da non indicare il vero prescelto. Insomma, per il nuovo Guardasigilli bisognerà aspettare, probabilmente tutta l'estate. E dunque dovrà aspettare anche Alfano, che invece vorrebbe al più presto assumere pienamente il ruolo di segretario del Pdl. Una situazione che fa dire a qualcuno nel partito che sia proprio questo il motivo del temporeggiare, ovvero la riluttanza di Berlusconi a far spiccare definitivamente il volo al segretario in pectore: il primo passo, è il ragionamento, dell'uscita di scena del premier. In ogni caso, Alfano domani incontrerà i dipendenti di via dell'Umiltà, poi mercoledì i coordinatori regionali del partito: tutte tappe d'avvicinamento all'assunzione piena di responsabilità. Ma oltre ai problemi interni al Pdl, lo stop al rimpasto rischia di complicare anche la situazione della Lega, e di conseguenza quella del governo. Il gruppo della Camera da mesi è spaccato: da un lato il presidente con i suoi 10 fedelissimi; dall'altro i quasi 50 'maroniti', che da tempo tentano di spezzare il 'cercio magico' che circonda Umberto Bossi. Proprio la possibile collocazione di Reguzzoni al governo sarebbe stata la 'quadra', con i 'ribelli' che vorrebbero insediare Giacomo Stucchi alla guida del gruppo già in settimana. Ma ora la situazione rischia di esplodere già mercoledì, nel delicato voto sull'arresto del deputato pidiellino Papa: le continue oscillazioni di Bossi sull'argomento (prima "in galera", poi cauto, poi di nuovo favorevole all'arresto) potrebbero sfociare in una sorta di libertà di coscienza, che sommata al voto segreto potrebbe determinare il via libera alle manette. A meno che dal vertice di questa sera ad Arcore tra i leghisti e Berlusconi non esca un'indicazione netta da Bossi. Altrimenti, il sì agli arresti potrebbe essere l'ultimo atto della guerra dei 'maroniti' contro Reguzzoni, molto più cauto sul sì agli arresti. E da risolvere, ad Arcore, c'è anche la questione legata al decreto rifiuti, ora all'esame della Camera: i leghisti restano contrari, ed oggi in Aula nessuno di loro ha preso la parola in sede di discussione generale. In questo quadro, Berlusconi ha comunque rassicurato il Colle sulla tenuta della maggioranza e dell'esecutivo. Intanto, avrebbe fatto presente il premier a Napolitano, anche l'ultimo voto di fiducia si è risolto con un'ampio scarto a favore del governo. E anche l'alleanza con la Lega, avrebbe assicurato il Cavaliere, è assolutamente solida. A dimostrazione, l'imminente presentazione della riforma della seconda parte della Costituzione, preparata proprio dai ministri leghisti, che domani approderà al pre-consiglio. Riforma che, è la lettura del premier, è anche la risposta più saggia al clima montante di 'anti-politica'. Non solo: proprio sulla riforma il governo e la maggioranza, avrebbe assicurato il cavaliere, intendono continuare con il clima più soft con l'opposizione inaugurato sulla manovra, tanto che copia della bozza è stata inviata per tempo anche ai gruppi parlamentari di minoranza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni