martedì 28 febbraio | 14:26
pubblicato il 03/mar/2016 20:41

Governo conferma prudenza su intervento in Libia

Continua il lavoro per salvare gli ostaggi ancora vivi

Governo conferma prudenza su intervento in Libia

Roma, 3 mar. (askanews) - Adesso la priorità è salvare gli ostaggi ancora vivi, ma il dossier Libia diventa sempre più delicato da gestire e il governo non intende cambiare linea rispetto ad un eventuale intervento nel Paese nordafricano, almeno secondo quanto si apprende da fonti parlamentari. E' il presidente del Copasir Giacomo Stucchi a dare le poche notizie ufficiali, dopo l'audizione del sottosegretario a Palazzo Chigi Marco Minniti: "La priorità sono loro (gli ostaggi ancora vivi, ndr) e per questo serve osservare un rigoroso silenzio su situazioni delicate". Mentre le opposizioni attaccano il governo, Palazzo Chigi sceglie il silenzio e fissa alla prossima settimana le comunicazioni del ministro Paolo Gentiloni al Parlamento. Prima, appunto, c'è da provare a risolvere la vicenda degli altri ostaggi.

Una vicenda che, però, non sembra al momento cambiare la linea sull'eventuale intervento: ok alle operazioni mirate di intelligence sotto la regia diretta di Palazzo Chigi, autorizzate già con l'ultimo decreto-missioni, prudenza sull'invio di un vero e proprio contingente, in linea con i paletti dell'Onu. Solo un governo di unità nazionale libico, per il governo italiano, potrebbe chiedere l'intervento di una forza multinazionale.

"Senza una cornice politica e diplomatica definita l'intervento militare rischia di essere contorproducente", avverte un parlamentare Pd. La stessa posizione, viene ricordato, condivisa dal capo dello Stato Sergio Mattarella con il presidente Usa, Barack Obama, tre settimane fa.

Chiare, al riguardo, le parole del direttore del Dis Giampiero Massolo: "In questo momento è in atto uno sforzo negoziale della comunità internazionale: noi auspichiamo che porti alla formazione di un governo, quella è la fonte della legittimità delle nostre azioni". D'altro canto, l'Italia non può stare a guardare: "E' scopo dichiarato di alcune di queste organizzazioni jihadiste di crearsi delle piattaforme, delle basi territoriali. Il fatto che questo possa accadere in zone così vicine alle nostre coste non ci lascia tranquilli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech