martedì 24 gennaio | 12:32
pubblicato il 30/nov/2011 05:10

Governo/ Colle e Istituzioni in campo: si apparecchia tavola 5/12

Nel menu medicine amare, ma anche zuccherini: direzione equità

Governo/ Colle e Istituzioni in campo: si apparecchia tavola 5/12

Roma, 30 nov. (askanews) - Il tempo stringe sulle misure anti-crisi che l'Europa chiede all'Italia. Si avvicina inesorabile la data del 5 dicembre, indicata dal governo per la convocazione del consiglio dei ministri che dovrebbe dare il via libera ai primi provvedimenti per far fronte all'emergenza economica. E sulla questione sono mobilitate, oltre all'esecutivo, tutte le alte cariche dello Stato. Non solo il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che con Mario Monti ha un filo diretto. Ma anche il presidente del Senato, Renato Schifani, e il suo omologo alla Camera, Gianfranco Fini. Una cabina di regia allargata, insomma, per far quadrare il cerchio. Perchè il menu che verrà presentato sul tavolo del consiglio dei ministri lunedì prossimo comprenderà medicine amare. In questi giorni si sta cercando di capire con quali 'zuccherini' addolcirle. La questione sta particolarmente a cuore al presidente della Repubblica. Più volte il capo dello Stato ha sottolineato la necessità di intervenire sulla crisi con rigore, ma anche con equità. Per fare in modo che i pesi dell'emergenza economica siano distribuiti su tutti, ha detto Napolitano in diverse occasioni negli ultimi mesi. Tradotto in un lessico più attinente alla cronaca di questi giorni: accanto a eventuali interventi sulle pensioni, si mettono in campo interventi sui vitalizi dei parlamentari. Non a caso, la questione è emersa oggi da un incontro di Schifani e Fini con la ministra del Welfare, Elsa Fornero. E' importante - si ragiona al Colle - che il quadro complessivo delle misure anti-crisi non sia squilibrato, ma garantisca che a pagare siano anche coloro che hanno di più e che finora non sono stati toccati. Un fattore importante per la tenuta sociale del pacchetto del governo Monti. Il premier intanto ha visto Napolitano anche oggi. L'occasione è stata quella del giuramento del neoministro alla Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi. Poi però il professore è rimasto al Colle per visitare, insieme al capo dello Stato, la mostra sul Palazzo del Quirinale nei 150 anni dell'unità d'Italia. C'era anche Silvio Berlusconi. Una presenza, quella dell'ex premier, che - per come si è manifestata ieri - segnala un cambiamento di clima, al di là di quanto il Cavaliere dichiari ufficialmente da quando si è dimesso. Berlusconi si è intrattenuto al Quirinale un'oretta, gentile e carino con tutti: da Napolitano, che ha salutato all'arrivo, a Monti, con il quale ha scambiato qualche parola. Un quadretto idilliaco che, anche se solo per un'ora (chissà), ha ricomposto fratture. Il giusto equilibrio tra medicine e zuccherini servirà anche da deterrente per prevenire eventuali distinguo e proteste al momento del voto sulle misure anti-crisi in Parlamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
L.elettorale
L.elettorale, Grasso: riforma dovrà attendere motivazioni Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4