lunedì 05 dicembre | 05:43
pubblicato il 17/mag/2013 15:25

Governo: Cdm, Franco nuovo Ragioniere generale, ringraziamenti a Canzio

(ASCA) - Roma, 17 mag - ''Su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze il dottor Daniele Franco e' stato nominato Ragioniere generale dello Stato. Il dottor Franco, Direttore centrale dell'area ricerca economica e relazioni internazionali della Banca d'Italia, ha ricoperto l'incarico di Capo del Servizio studi della Banca d'Italia. Ha presieduto dal 1999 al 2007 il Gruppo di lavoro di finanza pubblica del Sistema Europeo di Banche Centrali.

E' autore di numerose pubblicazioni in materia di finanza pubblica e politiche di bilancio. Il Consiglio ha espresso un sentito ringraziamento al Ragioniere generale dello Stato, Mario Canzio, che ha servito le Istituzioni per 41 anni e negli ultimi 8 ha esercitato un ruolo di altissima responsabilita' con diversi governi, dimostrando assoluta imparzialita' e contribuendo ad assicurare la tenuta dei conti pubblici''. E' quanto si legge nel comunicato di Palazzo Chigi diffuso al termine del Consiglio dei ministri.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari