mercoledì 07 dicembre | 15:31
pubblicato il 28/dic/2011 10:00

Governo/ Casini: Critiche Berlusconi il colmo,Monti deve reggere

Avanti e cambierà anche la politica, altrimenti Italia affonda

Governo/ Casini: Critiche Berlusconi il colmo,Monti deve reggere

Roma, 28 dic. (askanews) - "Lo dico con chiarezza: se vogliamo superare la crisi dobbiamo evitare quest'opera di rimozione. Che ha aspetti surreali: mi sembra il colmo che chi e' stato fino a ieri causa del problema oggi si proponga come la soluzione". Il leader Udc Pier Ferdinando Casini alza di nuovo forte la voce a difesa del governo Monti, soprattutto da critiche e malumori crescenti nel Pdl e dagli stop and go di Silvio Berlusconi. "Silvio - ha sottolineato fra l'altro Casini in una intervista a 'la Repubblica' - ha sempre avuto una doppia personalità: un ragionevole, l'altra che utilizza i peggiori istinti populistici. La doppiezza di oggi mi pare più comprensibile di quella del passato. Ha fatto un salto mortale non indifferente sostenendo il nuovo governo. Oggi cerca di alternare qualche momento di propaganda a ragionamenti seri: tutto abbastanza inevitabile". Ma detto questo, "ora domanda Casini- il nostro problema sarebbe che il governo si dedica poco allo sviluppo, alle liberalizzazioni? Che discorso è? E' in carica da appena un mese". E prima di lui hanno governato Prodi "che non riusciva ad andare avanti e dopo solo due anni è stato costretto a gettare la spugna" e poi Berlusconi "che dopo le illusioni della campagna elettorale ha vivacchiato e tirato a campare finchè non ha dovuto cedere il passo". "Se il governo regge, e deve reggere altrimenti l'Italia affonda - è stato dunque insieme il monito e la previsione del leader Udc- cambierà la politica: verrà modificato un sistema tanto mitizzato ma che non sta in piedi". Perchè l'esecutivo tecnico che tanto il Pd come il Pdl hanno avuto "il coraggio" di far nascere "obbliga tutti a prendere atto che lo schema bipolare non ha la forza necessaria per arginare verifiche serie come questa crisi". E "o la politica dimostra di avere una capacità di guida nella riforma di se stessa o scompare". Quanto alle prossime mosse dell'esecutivo, "servono - ha sottolineato Casini- le riforme, il rilancio degli investimenti, misure per la produttività e la crescita, una severa lotta all'evasione fiscale" mentre "il Paese non reggerebbe un'altra manovra" e "un nuovo intervento sui conti avrebbe un carattere recessivo". "Monti - ha assicurato l'ex presidente della Camera- le idee chiare ce l'ha" anche se "certo un conto è scriverle in un saggio, un conto è applicarle al governo" ed ora "è chiamato a una prova con se stesso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Governo
Renzi: governo istituzionale ma largo, sennò non temo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Dopo il panettone in Gran Bretagna volano bollicine Pignoletto
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni