mercoledì 22 febbraio | 05:39
pubblicato il 26/nov/2013 14:04

Governo: Carfagna, Renzi da innovatore a conservatore

Governo: Carfagna, Renzi da innovatore a conservatore

(ASCA) - Roma, 26 nov - ''Il governo Letta-Alfano sara' ricordato dai posteri non solo come l'esecutivo affetto, piu' di ogni altro, dalla sindrome del rinvio ma, anche, per una sua inqualificabile appendice che riguarda le grottesche vicende del viceministro allo Sviluppo economico e sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. E' bene sottolinearlo con chiarezza, queste non hanno nulla a che vedere con le questioni giudiziarie che lo riguardano. Ritengo il garantismo un dogma, non uno specchietto per le allodole, ne' tanto meno una porta girevole cosi' come, invece, lo intende il segretario del Pd in pectore Matteo Renzi''. Cosi' la portavoce del gruppo Fi-Pdl alla Camera dei deputati Mara Carfagna, nell'ultimo editoriale di ThinkNews, il quotidiano online che dirige.

''Invocare per gli altri il rispetto delle regole - prosegue Carfagna - ma derogarle quando riguardano i propri amici e' il piu' grande equivoco morale del Partito democratico e della sua nuova classe dirigente. Essere inflessibili con Silvio Berlusconi, tanto da votarne la decadenza da senatore nonostante la palese incostituzionalita' della legge Severino, sostenere la sfiducia al ministro Cancellieri e contestualmente accettare la protervia con la quale il sindaco di Salerno non vuole piegarsi alla legge, quella sulla incompatibilita' tra cariche di governo e responsabilita' amministrative di primo cittadino - continua -, e' il sintomo di un grave malessere democratico''.

Carfagna evidenzia come ''Matteo Renzi, pur di ottenere la poltrona di segretario del Pd, sta avallando la bramosia di potere di Vincenzo De Luca. Un atteggiamento, quello del sindaco di Firenze, che non rientra affatto nella categoria sociale dell'innovatore della politica. Tutt'altro, alla rottamazione ha deciso di preferire certi maleodoranti accordi che lo costringeranno a piegarsi, cosi' come sta accadendo, alle solite vecchie logiche della politica. Matteo Renzi - conclude -, da innovatore a conservatore, della sua e dell'altrui poltrona''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia