martedì 06 dicembre | 01:57
pubblicato il 26/nov/2013 14:04

Governo: Carfagna, Renzi da innovatore a conservatore

Governo: Carfagna, Renzi da innovatore a conservatore

(ASCA) - Roma, 26 nov - ''Il governo Letta-Alfano sara' ricordato dai posteri non solo come l'esecutivo affetto, piu' di ogni altro, dalla sindrome del rinvio ma, anche, per una sua inqualificabile appendice che riguarda le grottesche vicende del viceministro allo Sviluppo economico e sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. E' bene sottolinearlo con chiarezza, queste non hanno nulla a che vedere con le questioni giudiziarie che lo riguardano. Ritengo il garantismo un dogma, non uno specchietto per le allodole, ne' tanto meno una porta girevole cosi' come, invece, lo intende il segretario del Pd in pectore Matteo Renzi''. Cosi' la portavoce del gruppo Fi-Pdl alla Camera dei deputati Mara Carfagna, nell'ultimo editoriale di ThinkNews, il quotidiano online che dirige.

''Invocare per gli altri il rispetto delle regole - prosegue Carfagna - ma derogarle quando riguardano i propri amici e' il piu' grande equivoco morale del Partito democratico e della sua nuova classe dirigente. Essere inflessibili con Silvio Berlusconi, tanto da votarne la decadenza da senatore nonostante la palese incostituzionalita' della legge Severino, sostenere la sfiducia al ministro Cancellieri e contestualmente accettare la protervia con la quale il sindaco di Salerno non vuole piegarsi alla legge, quella sulla incompatibilita' tra cariche di governo e responsabilita' amministrative di primo cittadino - continua -, e' il sintomo di un grave malessere democratico''.

Carfagna evidenzia come ''Matteo Renzi, pur di ottenere la poltrona di segretario del Pd, sta avallando la bramosia di potere di Vincenzo De Luca. Un atteggiamento, quello del sindaco di Firenze, che non rientra affatto nella categoria sociale dell'innovatore della politica. Tutt'altro, alla rottamazione ha deciso di preferire certi maleodoranti accordi che lo costringeranno a piegarsi, cosi' come sta accadendo, alle solite vecchie logiche della politica. Matteo Renzi - conclude -, da innovatore a conservatore, della sua e dell'altrui poltrona''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Riforme
M5s, Lega e Fdi chiedono voto. Fi vuole tavolo legge elettorale
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari