martedì 24 gennaio | 19:06
pubblicato il 19/giu/2013 16:59

Governo: Cancellieri, modello Icam e' quello di civili abitazioni

Governo: Cancellieri, modello Icam e' quello di civili abitazioni

(ASCA) - Roma, 19 giu - '' La ratio ispiratrice della nuova normativa carceraria e' quella di garantire una nuova tutela assicurando una crescita armoniosa e senza traumi per figli minori conviventi di donne indagate, imputate o condannate: gli istituti penitenziari a custodia attenuata di detenuti madri (Icam) hanno caratteristiche strutturali diverse rispetto a quelli classici e sono modellati piuttosto sulle caratteristiche di una casa di civile abitazione''. Questa la risposta che il Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri ha dato a Marisa Nicchi, deputata di Sel, che oggi, nel corso del Question Time alla Camera, ha interpellato il ministro in merito alla questione delle madri carcerate a cui si rivolge la legge 62/11 che, come specificato dalla stessa Nicchi, non e' ancora entrata vigore (lo sara' dal primo gennaio 2014) e che ha come scopo quello di limitare al massimo gli ingressi, negli istituti penitenziari, di bambini conviventi con madri indagate, imputate o condannate.

Cancellieri ha precisato che ''verra' attuato, grazie agli Icam, un regime penitenziario di tipo familiaristico comunitario incentrato sulla responsabilizzazione del ruolo genitoriale''. Inoltre, il Ministro, ha fatto alcuni esempi di progetti di istituti penitenziari 'modello' come ''Liberi bimbi'' del provveditorato del Piemonte o quello del Triveneto che sara' attivato entro luglio. L'onorevole Nicchi, da parte sua, ha ricordato che a fine 2012 erano presenti nelle carcere italiane 40 madri e 41 bambini e che la ''sensibilita' che abbiamo in comune con il Ministro nasce dalla priorita' di non poter far vivere in carcere bambini di eta' compresa tra gli 0 e i 6 anni''. Inoltre, Nicchi ha espresso due perplessita' a riguardo della risposta che il ministro ha sottoposto all'Aula: ''un'insufficiente copertura di Icam al Sud e, al contempo, la necessita' di finanziare case-famiglia protette che sono state demandate a carico degli enti locali i quali, come si sa, sono stati falcidiati nei finanziamenti''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4