martedì 28 febbraio | 06:26
pubblicato il 19/giu/2013 16:59

Governo: Cancellieri, modello Icam e' quello di civili abitazioni

Governo: Cancellieri, modello Icam e' quello di civili abitazioni

(ASCA) - Roma, 19 giu - '' La ratio ispiratrice della nuova normativa carceraria e' quella di garantire una nuova tutela assicurando una crescita armoniosa e senza traumi per figli minori conviventi di donne indagate, imputate o condannate: gli istituti penitenziari a custodia attenuata di detenuti madri (Icam) hanno caratteristiche strutturali diverse rispetto a quelli classici e sono modellati piuttosto sulle caratteristiche di una casa di civile abitazione''. Questa la risposta che il Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri ha dato a Marisa Nicchi, deputata di Sel, che oggi, nel corso del Question Time alla Camera, ha interpellato il ministro in merito alla questione delle madri carcerate a cui si rivolge la legge 62/11 che, come specificato dalla stessa Nicchi, non e' ancora entrata vigore (lo sara' dal primo gennaio 2014) e che ha come scopo quello di limitare al massimo gli ingressi, negli istituti penitenziari, di bambini conviventi con madri indagate, imputate o condannate.

Cancellieri ha precisato che ''verra' attuato, grazie agli Icam, un regime penitenziario di tipo familiaristico comunitario incentrato sulla responsabilizzazione del ruolo genitoriale''. Inoltre, il Ministro, ha fatto alcuni esempi di progetti di istituti penitenziari 'modello' come ''Liberi bimbi'' del provveditorato del Piemonte o quello del Triveneto che sara' attivato entro luglio. L'onorevole Nicchi, da parte sua, ha ricordato che a fine 2012 erano presenti nelle carcere italiane 40 madri e 41 bambini e che la ''sensibilita' che abbiamo in comune con il Ministro nasce dalla priorita' di non poter far vivere in carcere bambini di eta' compresa tra gli 0 e i 6 anni''. Inoltre, Nicchi ha espresso due perplessita' a riguardo della risposta che il ministro ha sottoposto all'Aula: ''un'insufficiente copertura di Icam al Sud e, al contempo, la necessita' di finanziare case-famiglia protette che sono state demandate a carico degli enti locali i quali, come si sa, sono stati falcidiati nei finanziamenti''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech