lunedì 27 febbraio | 19:57
pubblicato il 12/apr/2013 18:13

Governo: Brunetta, su riforme istituzioni da saggi utile base lavoro

Governo: Brunetta, su riforme istituzioni da saggi utile base lavoro

(ASCA) - Roma, 12 apr - ''Il gruppo di lavoro sulle questioni istituzionali ha prodotto il massimo risultato possibile nelle condizioni date. Ha svolto un serio inventario dei nodi problematici e delle proposte piu' rilevanti per la riforma delle istituzioni. Ha messo a fuoco i punti sui quali esiste una convergenza quasi totale e quelli sui quali ancora sussistono margini significativi, ma colmabili, di dissenso.

Rispetto a questi ultimi ha selezionato le alternative piu' serie riconoscendone la reciproca legittimita'''. Lo ha affermato il capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta.

L'ex ministro ha poi sottolineato come ''sul piano del metodo delle riforme'' il gruppo di lavoro ''ha offerto utili suggerimenti per delineare un percorso di riforme che, quantomeno, eviti di ricadere negli stessi impasse su cui si sono arenati tutti i tentativi promossi negli ultimi trent'anni. In particolare - ha sottolineato - oltre alla possibilita' di una Commissione redigente mista, composta da parlamentari e non parlamentari, ad avviso di alcuni componenti del gruppo di lavoro, i nodi piu' rilevanti sui quali manca una convergenza potrebbero essere risolti demandando la scelta referendum di indirizzo rigorosamente disciplinati dalla legge costituzionale istitutiva della Commissione. Si tratta pertanto di una utile base di lavoro.

I saggi non potevano andare oltre''. Per Brunetta, ''spetta adesso alla politica raccogliere queste indicazioni ed assumersi la responsabilita' delle scelte, a cominciare dai nodi piu' delicati: la legge elettorale, la forma di governo tra parlamentarismo modernizzato e presidenzialismo, il superamento del bicameralismo, le modifiche all'assetto regionale, i rapporti tra politica e magistratura, la riforma dei partiti e del finanziamento. Resta ora l'ultimo miglio da compiere. Il piu' difficile. Solo un accordo politico solido e leale tra le principali forze politiche, fondato sulla condivisione di una responsabilita' comune per l'Italia puo' consentirci di percorre quest'ultimo miglio. Non farlo sarebbe imperdonabile'', ha concluso Brunetta.

com-brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech