lunedì 05 dicembre | 06:13
pubblicato il 23/ago/2013 10:20

Governo: Brunetta, se dura reddito di cittadinanza non passera' mai

Governo: Brunetta, se dura reddito di cittadinanza non passera' mai

(ASCA) - Roma, 23 ago - ''Se il governo durera', reddito d'inserimento, reddito di cittadinanza e simili non passeranno mai. Guai a Enrico Letta e a Giovannini se solo ci provano. Su questo noi del Pdl siamo pronti a fare la crisi di governo, sempre ammesso che la crisi non si apra per altre ragioni''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, in un'intervista a ''Libero''.

''Il reddito d'inserimento e quello di cittadinanza - sottolinea l'ex ministro - sono degli imbrogli. Costano e distruggono capitale umano. Il mercato del lavoro italiano e' caratterizzato da anomalie come gli oltre due milioni di 'ne'-ne'', individui che non studiano e non lavorano, e da tanti comportamenti opportunistici, tipo quelli delle cosiddette 'non forze di lavoro', che in realta' lavorano in nero e fruiscono di welfare sotto forma di indennita' di disoccupazione, assegni familiari o altro. Se in un sistema del genere si inserisce un imbroglio come il reddito di inserimento, si rende permanente una forma clientelare di welfare, che ha tre effetti negativi su cui Giovannini e chi la pensa come lui dovrebbero riflettere. Primo: si tratta di meccanismi spaventosamente costosi e incrementali. Una volta che si e' iniziato, per chi li percepisce quei soldi sono come una droga e non si puo' piu' tornare indietro. Il fenomeno cosi' cresce e la spesa si cumula con l'invecchiare delle coorti generazionali''. Secondo effetto: ''Diminuisce il tasso di occupazione. Chi mai accettera' un contratto a termine o part-time, chiamiamolo pure precario, a 600 o 700 euro, quando grazie al reddito di inserimento puo' avere una somma equivalente senza fare niente, e magari integrarla lavorando in nero? Da qui il terzo effetto. Aumenta il salario minimo al quale una normale forza lavoro e' disposta a prendere un impiego atipico. Questo, per essere accettato, deve avere infatti una soglia di salario molto piu' alta del reddito di inserimento. Il risultato e' che il lavoro atipico esce fuori mercato, sparisce. Morale: reddito d'inserimento, di cittadinanza e simili distruggono capitale umano'', conclude Brunetta.

com-brm/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari