domenica 22 gennaio | 15:03
pubblicato il 20/mar/2014 11:12

Governo: Brunetta, Mef certifichi coperture Renzi

Governo: Brunetta, Mef certifichi coperture Renzi

(ASCA) - Roma, 20 mar 2014 - ''Da una parte siamo nelle mani del commissario alla Spending review, Carlo Cottarelli, dal risultato del cui lavoro dipendono le detrazioni Irpef che il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha promesso a 10 milioni di italiani, per un totale di 10 miliardi all'anno.

Dall'altra siamo appesi al filo di 2 decimali di deficit in piu', dall'attuale -2,6% a un ''auspicato' -2,8%, pari a 3,2 miliardi di euro, che dovranno servire, come spiegato domenica scorsa dal presidente della Cassa Depositi e Prestiti, Franco Bassanini, al pagamento dei debiti della Pa per la parte in conto capitale''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Peccato, pero', che questi ultimi ammontino, sempre stando alle dichiarazioni di Bassanini, a 5-10 miliardi.

Molto di piu', quindi, dei 3,2 probabilmente disponibili. Il condizionale e' d'obbligo. Ci gira ancora in testa la frase attribuita al presidente Renzi lo scorso 6 marzo, quando disse: ''Sapevamo che i numeri non erano quelli che raccontava Letta'. Frase che lasciava intendere che quel -2,6% di rapporto deficit/Pil previsto per il 2014 fosse gia' superato. Stessa sfumatura si e' potuta cogliere in un'altra frase, pronunciata in conferenza stampa a Berlino lunedi' scorso dal cancelliere tedesco, Angela Merkel: ''La regola sul 3% sul deficit e' gia' sforata'. Cosa intendeva dire il capo del governo tedesco? Sa qualcosa di cui noi italiani non siamo a conoscenza? Ci aspettavamo che ieri in Aula alla Camera il premier riferisse, come da richiesta, sullo stato dei conti pubblici italiani, ma l'argomento non e' stato neanche lontanamente sfiorato dalla sua relazione'', aggiunge Brunetta. ''Torniamo a chiederci: se il margine dei due miseri decimali con cui Renzi pensa di risolvere i problemi dell'Italia non ci sono, o, se ci sono, saranno utilizzati per il pagamento dei debiti della PA; e se e' vero, come e' vero, che i tagli (di fatto lineari, e banali) del commissario Cottarelli sono solo proposte, di cui non c'e' traccia in alcun provvedimento di Legge, come fara' Renzi a dare 80 euro al mese in busta paga agli individui a basso reddito da maggio? Per mantenere questa promessa, al presidente del Consiglio servono 837 milioni di euro al mese.

E servono da subito. Da maggio.

Altrimenti creera' un buco mensile di tale importo nella casse dello Stato. Una soluzione a questo enigma, al momento, non sembra essere all'orizzonte. Il ragioniere generale dello Stato e il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, sul punto non si pronunciano. Probabilmente perche' hanno ben poco da dire. Presentero' oggi una interpellanza urgente al ministro, affinche' certifichi in Parlamento i numeri esposti dal presidente del Consiglio nella conferenza stampa di presentazione dei ''provvedimenti' economici del governo.

Provvedimenti di cui, ad oggi, non si vede neanche l'ombra'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4