giovedì 08 dicembre | 19:32
pubblicato il 20/mar/2014 11:12

Governo: Brunetta, Mef certifichi coperture Renzi

Governo: Brunetta, Mef certifichi coperture Renzi

(ASCA) - Roma, 20 mar 2014 - ''Da una parte siamo nelle mani del commissario alla Spending review, Carlo Cottarelli, dal risultato del cui lavoro dipendono le detrazioni Irpef che il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha promesso a 10 milioni di italiani, per un totale di 10 miliardi all'anno.

Dall'altra siamo appesi al filo di 2 decimali di deficit in piu', dall'attuale -2,6% a un ''auspicato' -2,8%, pari a 3,2 miliardi di euro, che dovranno servire, come spiegato domenica scorsa dal presidente della Cassa Depositi e Prestiti, Franco Bassanini, al pagamento dei debiti della Pa per la parte in conto capitale''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Peccato, pero', che questi ultimi ammontino, sempre stando alle dichiarazioni di Bassanini, a 5-10 miliardi.

Molto di piu', quindi, dei 3,2 probabilmente disponibili. Il condizionale e' d'obbligo. Ci gira ancora in testa la frase attribuita al presidente Renzi lo scorso 6 marzo, quando disse: ''Sapevamo che i numeri non erano quelli che raccontava Letta'. Frase che lasciava intendere che quel -2,6% di rapporto deficit/Pil previsto per il 2014 fosse gia' superato. Stessa sfumatura si e' potuta cogliere in un'altra frase, pronunciata in conferenza stampa a Berlino lunedi' scorso dal cancelliere tedesco, Angela Merkel: ''La regola sul 3% sul deficit e' gia' sforata'. Cosa intendeva dire il capo del governo tedesco? Sa qualcosa di cui noi italiani non siamo a conoscenza? Ci aspettavamo che ieri in Aula alla Camera il premier riferisse, come da richiesta, sullo stato dei conti pubblici italiani, ma l'argomento non e' stato neanche lontanamente sfiorato dalla sua relazione'', aggiunge Brunetta. ''Torniamo a chiederci: se il margine dei due miseri decimali con cui Renzi pensa di risolvere i problemi dell'Italia non ci sono, o, se ci sono, saranno utilizzati per il pagamento dei debiti della PA; e se e' vero, come e' vero, che i tagli (di fatto lineari, e banali) del commissario Cottarelli sono solo proposte, di cui non c'e' traccia in alcun provvedimento di Legge, come fara' Renzi a dare 80 euro al mese in busta paga agli individui a basso reddito da maggio? Per mantenere questa promessa, al presidente del Consiglio servono 837 milioni di euro al mese.

E servono da subito. Da maggio.

Altrimenti creera' un buco mensile di tale importo nella casse dello Stato. Una soluzione a questo enigma, al momento, non sembra essere all'orizzonte. Il ragioniere generale dello Stato e il ministro dell'Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, sul punto non si pronunciano. Probabilmente perche' hanno ben poco da dire. Presentero' oggi una interpellanza urgente al ministro, affinche' certifichi in Parlamento i numeri esposti dal presidente del Consiglio nella conferenza stampa di presentazione dei ''provvedimenti' economici del governo.

Provvedimenti di cui, ad oggi, non si vede neanche l'ombra'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni